ROMA

L'Onu condanna l'Italia : «Donna esclusa dai vigili del fuoco perché troppo bassa»

Venerdì 15 Maggio 2020 di Alessandra Spinelli
1

Anche se la passione arde, e in questo caso mai verbo fu più attinente, non c'è nulla da fare: le regole sono regole. Così per paradosso accade che la parità di genere uomo-donna possa tramutarsi in discriminazione. E sei donna e per te comunque raggiungere quella regola è un po' più difficile perché la media nazionale femminile dice altro, allora non resta altro da fare che rivolgerti a tribunali su tribunale fino anche arrivare all'Onu. E proprio oggi l'Onu ha dato ragione a una donna esclusa dal corpo dei vigili urbani perché al disotto dell'altezza richiesta:  1 metro e 65 centimetri sia per gli uomini che per le donne. Non solo l'Onu ha condannato l'Italia perchè, si legge nel dispositivo, «ha violato i diritti di una donna di diventare vigile del fuoco imponendo un criterio sull'altezza non necessario e irragionevole» e per questo dovrà «risarcirla».
LA STORIA
Lo ha stabilito la commissione delle Nazioni Unite per i diritti umani, cui la donna, E.G.. si era rivolta. Nel 1999, la donna, alta 1,61 mt., si era arruolata come volontaria nei vigili del fuoco nel Lazio. Nel 2007 aveva fatto domanda per un posto permanente, domanda che era stata respinta perché mancava del requisito di un'altezza minima di 1,65 requisito previsto indipendentemente per gli uomini e per le donne. E.G. aveva allora contestato la decisione al Tar del Lazio, sostenendo che il requisito dell'altezza identica per uomini e donne rappresenta una discriminazione indiretta nei confronti delle donne, la cui altezza media è di 1,61 mt. a fronte di 1,75 degli uomini. Tra l'altro i requisiti sono diversi per i vigili del fuoco volontari e per quelli professionisti. Bocciato il suo ricorso dal Tar, la donna si era rivolta al Consiglio di Stato, da cui pure era arrivata una bocciatura. Fino a quando nel 2016 si era rivolta alla commissione Onu per i diritti umani, che oggi le ha dato ragione. 
LE CONSEGUENZE
«Secondo le nostre informazioni - si legge in una nota - c'è un divario significativo tra l'altezza media degli uomini e delle donne italiane e, stabilendo un'altezza minima di 1,65 mt. ben al di sopra della media delle donne, lo Stato ha escluso molte donne dai posti per vigili del fuoco. Questa situazione solleva preoccupazioni per una discriminazione indiretta, che lo Stato avrebbe dovuto contestare».
La Commissione chiede quindi che l'Italia risarcisca E.G. e valuti la possibilità di ammetterla come vigile del fuoco professionista secondo la sua richiesta. Lo Stato italiano adesso ha tempo 180 giorni per indicare le misure che rimedieranno a questa situazione. Non solo: l'Italia dovrà assicurare che «ogni requisito per gli impieghi nel servizio pubblico sia necessario e proporzionato e che questi requisiti, che sembrano neutri e invece non lo sono, non incidano in modo negativo e sproporzionato sulle donne candidate». 
LA SODDISFAZIONE

«C'è grande soddisfazione per una pronuncia che accoglie il nostro ricorso e che riconosce i diritti della mia assista». Così l'avvocato Adriano Maffeo commenta, interpellato da Adnkronos, la decisione della commissione delle Nazione Unite . «Pur avendo assistito la ricorrente solo nel procedimento dinanzi al Comitato per i diritti umani dell'Onu - racconta il legale - l'iter processuale è stato particolarmente lungo. Nel frattempo i requisiti di accesso sono stati modificati e la mia assistita di recente è riuscita ad entrare nel Corpo che ha comunque servito da oltre venti anni, prima come volontario. Lei è stata sempre consapevole della discriminazione subita e ha portato avanti la sua battaglia anche se ha dovuto attendere tanti anni per veder riconosciuto questo diritto». «Ora anche se parte degli obblighi nelle more sono stati assolti - sottolinea - attendiamo di capire come lo Stato la risarcirà anche in relazione all'anzianità di servizio».

Ultimo aggiornamento: 19:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA