Harry Potter contro la "mamma" Rowling: «Le donne transgender sono donne»

Martedì 9 Giugno 2020 di Maria Lombardi
Harry Potter contro la

«Le donne transgender sono donne». Harry Potter contro la scrittrice che l'ha creato. Daniel Radcliffe, l'attore famoso in tutto il mondo per aver interpretato il maghetto con la cicatrice a forma di saetta sulla fronte, sconfessa J.K Rowling, l'autrice della saga. La scrittrice nei giorni scorsi era finita al centro di una polemica per alcuni commenti sui social definiti «anti-trans». 

L'autrice di Harry Potter, che proprio in queste settimane ha lanciato una fiaba per bambini a puntate ('The Ickabog'), aveva contestato il titolo di un articolo: «Creare un mondo post-Covid-19 più equo per le persone che hanno le mestruazioni». Rowling in un tweet aveva replicato: «Le persone che hanno le mestruazioni. Sono sicura che ci fosse una parola per quelle persone.Qualcuno mi aiuti. Wumben? Wimpund? Woomud?», ha aggiunto riferendosi evidentemente al termine women.

Quel tweet ha scatenato il finimondo, la scrittrice è stata bersaglio di attacchi o insulti. Perché definire donna solo chi ha le mestruazioni?, le è stato contestato. Così discrimina non solo le donne trans, è stata l'accusa, ma anche le tante donne che non hanno più le mestruazioni. Senza contare le persone che, pur avendo ancora le mestruazioni,  non si identificano come donne, ad esempio i trans che passano da un'identità anagrafica femminile a quella maschile.

 


Alcuni commenti erano stati particolarmente offensivi.  «'Feminazì, 'Terf' (acronimo di Trans-Exclusionary Radical Feminist, ossia una femminista radicale che esclude le persone transessuali, ndr.), Strega, Cagna», ha twittato la scrittrice citando alcuni degli insulti ricevuti. «I tempi cambiano. L'odio nei confronti delle donne è eterno», ha aggiunto. «Rispetto il diritto di tutte le persone trans di vivere in un modo che sia autentico e confortevole per loro. Marcerei con voi se voi foste discriminati sulla base dell'essere trans. Allo stesso tempo, la mia vita è stata plasmata dall'essere femmina. Non credo sia odioso dirlo».

Rowling nella bufera per commenti «anti-trans» su Twitter. E lei replica: «Odio nei confronti delle donne eterno»

Daniel Radcliffe legge Harry Potter, J.K. Rowling lancia una maratona in lockdown

L'attore che ha interpretato Harry Potter non la pensa come lei. Intervenendo in un post su The Trevor Project – una no-profit americana di cui è ambasciatore – Radcliffe (30 anni anni di cui 10 esatti passati sui set dei film della saga) ha espresso il suo pensiero, opposto a quello della Rowling: «Le donne transgender sono donne. Qualsiasi affermazione contraria cancella l’identità e la dignità delle persone transgender e va contro ogni consiglio dato dalle associazioni sanitarie professionali che hanno molta più esperienza in materia rispetto a Jo e me». E riferendosi ai libri dell'autrice: «Se questi libri ti hanno insegnato che l’amore è la forza più forte dell’universo, capace di vincere qualsiasi cosa; se ti hanno insegnato che la forza è nella diversità e che le idee dogmatiche di purezza portano all’oppressione dei gruppi vulnerabili; se ritieni che un determinato personaggio sia fluido trans, non binario o di genere o che sia gay o bisessuale; se hai trovato qualcosa in queste storie che risuona con te e ti ha aiutato in qualsiasi momento della tua vita, è un legame sacro tra te e il libro. E secondo me nessuno può toccarlo»

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA