Teresa Bellanova, insulti sessisti alla nuova ministra nel giorno del giuramento

Giovedì 5 Settembre 2019
9
Teresa Bellanova, si scatenano gli insulti sui social: «Sembri la balena blu». Tra gli haters anche Daniele Capezzone

I nuovi ministri del Governo Conte bis devono ancora iniziare a lavorare eppure alcuni di loro sono in fretta entrati nel mirino delle velenose critiche del web. Prima su tutti Teresa Bellanova, neo inquilina al Dicastero dell'Agricoltura. Già oggetto di commenti sgradevoli da parte di Tommaso Scatigna, sindaco di Locorotondo, che parlando dell'ex sindacalista ora al Governo con il Pd, aveva scritto su Fb «Immagina incontrarla di notte», a far storcere il naso a molti utenti del web è stato l'outfit scelto per il giuramento nelle mani del Presidente della Repubblica. Abito blu con balze applicate su tutta la lunghezza del vestito, lunghe maniche, tondo scollo accompagnato da perline argentate e applicazioni con rouches sono gli elementi che hanno gettato il ministro in pasto agli haters. «Con @TeresaBellanova. Senza se e senza ma. Io e tutto il @pdnetwork», ha scritto su Twitter Nicola Zingaretti.

 

Il giuramento del nuovo governo tra selfie ricordo e baci: la "sfilata" dei ministri con mogli, figli e fidanzate
 

 

Tra i detrattori del look  spicca Daniele Capezzone, giornalista de La Verità e politico, ex portavoce di Forza Italia e poi de Il Popolo della Libertà, che sul suo profilo Twitter ha condiviso una foto dell'arrivo del ministro al Quirinale, commentando con un laconico «Carnevale? Halloween?».
 

Il poco lusinghiero post di Mancuso ha immediatamente suscitato ilarità e ottenuto condivisione tra il popolo di Twitter. «Chi è? Batman?, la balena blu?» scrive un utente del social, mentre per altri il paragone più azzeccato è quello con Gollum de Il Signore degli anelli oppure con il Gabibbo di Striscia La Notizia. «Se la vedesse la Gozzi si suiciderebbe», «Agricoltura, giusto va bene a coltivare le patate, che se le magna tutte, sta grassona, è anche brutta e vecchia» le altre parole al vetriolo dedicate alla Bellanova dai commentatori di Capezzone.
Altrettanti si sono però schierati dalla parte della Bellanova, criticando Capezzone per il poco elegante body shaming del post, come Aurelio Mancuso, presidente di Equality Italia, già componente nazionale di Arcigay e della commissione nazionale di garanzia del Partito Democratico, che risponde twittando a sua volta «E così ⁦Capezzone⁩ il già #radicale oggi volgare #sovranista #machista ci delizia con i suoi squallidi commenti! Un grande abbraccio a Teresa Bellanova⁩, una grande donna!». «Il body blaming è una pratica che andrebbe vietata oltre il quinto anno di età», «Complimenti per le critiche costruttive» si legge in altri commenti.
 

Ultimo aggiornamento: 6 Settembre, 13:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA