VIOLENZA

Francia, arriva il braccialetto per chiedere aiuto se il compagno violento si avvicina

Giovedì 17 Ottobre 2019
Una manifestazione contro la violenza alle donne

E' una notizia che ribalta il punto di vista del problema. Se gli uomini violenti non rispettano il divieto di allontanamento dalle vittime, meglio dotare loro di un braccialetto di protezione che invii impulsi alla polizia quando ritengono di essere in una situazione di pericolo. Una decisione presa dall'Assemblea nazionale francese che ha votato quasi all'unanimità per introdurre una legislazione che prevede l'approvazione di un braccialetto elettronico progettato a protezione delle donne.

La notizia è stata diffusa da Euronews.

Violenza sulle donne, i medici: «Il 40% con lesioni al volto o ai denti ha subito maltrattamenti»

In pratica si tratta di consegnare alla vittima un braccialetto elettronico che invia un segnale attraverso il quale l'aggressore viene rintracciato. Ed è un giudice a determinare il perimetro in cui si può muovere il sorvegliato intorno alla vittima. Dall'altra parte, c'è anche la possibilità per il marito o il compagno che rimane d'accordo sul provvedimento di vedere ridotta la pena.

Questo braccialetto ha il vantaggio di permettere alla vittima di agire in ogni momento, senza la necessità di avere un telefono a disposizione e senza perdere tempo prezioso nel fare una chiamata alla centrale di polizia.

«E' un provvedimento già presente in diversi Paesi europei, specialmente in Spagna dove il numero delle morti è decisamente diminuito», specifica Euronews, preso in un momento in cui il fenomeno dei femminicidi in Francia è in aumento, tanto che le statitistiche «hanno fatto balzare il Paese al terzo posto dopo Germania e Svizzera» in Europa.

Il provvedimento dovrebbe entrare in vigore nel 2020, tempi che, comunque, sono stati considerati troppo lunghi dalle associazioni francesi a tutela delle vittime di violenza.
 

Ultimo aggiornamento: 18 Ottobre, 10:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA