FASE 2

Quasi 10 milioni di bambini e ragazzi senza scuola, il pericolo di nuove diseguaglianze

Lunedì 11 Maggio 2020
Bambini e ragazzi senza scuola, senza sport e senza tutti quei luoghi dove crescere insieme che frequentavano prima del lockdow. Siamo nel mezzo della più grande crisi educativa mai vissuta: un miliardo e  650 milioni di bambini e ragazzi nel mondo sono ancora confinati a casa o comunque lontani dalle aule. In Italia sono 9,8 milioni, il 16,8% della popolazione. Di loro non ci è occupati abbastanza in questa emergenza, avverte il Forum delle diseguaglianze e diversità, che raccoglie 8 organizzazioni di cittadinanza attiva. Eppure la crisi provocata dalla Covid-19 rischia di accentuare le disparità, tra gli alunni poveri e non poveri, tra gli stranieri e gli italiani, tra chi può permettersi pc e wifi e chi non ha gli strumenti per seguire le lezioni online, tra chi è disabile e chi non lo è. E la minaccia che imcombe è una nuova povertà educativa. «Cresce l’impoverimento delle persone e si stanno già accentuando le disuguaglianze di genere scaricando ogni funzione di cura sulle donne, lavoratrici e non, donne già colpite dalla crisi economica», scrive il Forum in un documento. «Il Covid-19 pone tutto il mondo dell’educare, non solo la scuola, di fronte a una biforcazione. O si va verso una crescita delle disuguaglianze e della povertà educativa, del fallimento formativo, oppure vi è una vera inversione di tendenza che ci porta verso una scuola nuova, ad un tempo aperta, egualitaria e rigorosa, dove si impara meglio, entro la prospettiva di comunità educanti larghe e evolute».

Mamme e lavoro, le nuove garanzie al tempo del Covid

Fase 2, «Cercasi maestre per lezioni a casa»: ecco come si usa il bonus baby sitter, ma si può fare?

Mamma e papà a lavoro, bimbi a casa: e la vicina diventa baby-sitter


Ecco alcune delle proposte del Forum per la riapertura delle scuole e per scongiurare il pericolo di crescita delle diseguaglianze. Tanto per cominciare delle linee guida nazionali 
«chiare» su come riavviare le lezioni. Servono poi nuove risorse per le scuole e dunque bisogna stanziare il «15% di tutti i finanziamenti pubblici per la ripresa a scuola, infanzia, adolescenza, forte potenziamento del Fondo per la lotta alla povertà educativa minorile”, reddito di Emergenza subito peri lavoratori poveri, irregolari».

Per consentire alle mamme e ai papà di poter tornare al lavoro nonostante le scuole siano ancora chiuse e i centri estivi non programmati al momento il Forum propone congedi parentali e bonus paritari per i genitori e «forme di reddito di cura». Inoltre dovrebbe essere previsto un fondo per garantire computer e connessione gratuita a tutti i minori di 18 anni.  © RIPRODUZIONE RISERVATA