Patricia Ortega Garcìa prima generale dell'esercito di Spagna

Sabato 13 Luglio 2019 di Elena Marisol Branolini
Patricia Ortega Garcìa, prima donna genrale dell'esercito spagnolo

La colonnello Patricia Ortega García è stata nominata ieri generale dal governo spagnolo su proposta della ministra della Difesa Margarita Robles, divenendo così la prima donna ad occupare questo rango apicale nella storia delle forze armate spagnole. Ortega, di 56 anni, nata a Madrid, madre di tre figli, fu una pioniera dell'accesso delle donne nell'esercito, quando questo si aprì al sesso femminile 31 anni fa. Proveniente da una famiglia di militari, cominciò la sua carriera nel 1988, entrando nell'Accademia Militare di Zaragoza. Quindi fu la prima tenente colonnello nel 2009, destinata alla Direzione di Infrastrutture del ministero della Difesa; diventata la prima donna colonnello nel 2015, è stata nella Caserma Generale dell'Esercito di Terra e successivamente nell'Istituto di Tecnica Aerospaziale. La nomina a generale è una decisione discrezionale dell'Esecutivo che richiede come requisiti il superamento di un corso ad hoc, la proposta da parte del Consiglio Superiore dell'Esercito e l'esistenza di un posto vacante.

GLI INIZI
In un'intervista del maggio 2018 a Yo Dona-El Mundo, Ortega racconta gli inizi della sua carriera, quando nell'esercito spagnolo le donne erano appena sei e non erano previsti bagni separati per sesso. Riconosce che la maternità è vissuta come una penalizzazione nella carriera militare femminile, che potrebbe essere risolta se ci fosse una ripartizione del lavoro di cura tra i sessi. Ossia se gli uomini, come ebbe a dire successivamente, vestissero «l'uniforme della cura familiare». La presenza femminile nell'esercito spagnolo è ancora solo del 12,8%, inferiore a quella di Francia e Stati Uniti, ma superiore alla media del 10,9% che si riscontra per i paesi Nato.

IL TREND
Nei primi sei anni del 2000 l'entrata delle donne nell'esercito spagnolo raddoppiò, passando dal 6,6% al 12%; da quel momento però il trend di crescita subì un arresto. Nel 2018, nelle forze armate spagnole gli uomini erano 101.792, le donne solo 14.893, collocate per gran parte nella truppa e nella nautica. Tra gli ufficiali, la presenza femminile superava appena il 9%, tra i sottoufficiali rappresentava il 5%. I generali sono 221, finora tutti uomini, 1.043 i colonnelli, di cui solo 3 donne e 3.096 i tenenti colonnelli, 16 dei quali di sesso femminile. La situazione è ancora peggiore nel corpo militare della Guardia Civil, dove appena il 7,3% degli effettivi è costituito da donne, rappresentando tra gli ufficiali appena il 3,7% del totale. In Francia, il tasso di femminilizzazione delle forze armate è del 15%, in Italia non supera il 3%. Nel novembre scorso, fu per la prima volta nominata una donna a capo di Stato maggiore di un paese europeo, la Slovenia, la generale Alenka Ermenc. Nel 2017, i governi di Francia, Germania, Norvegia, Olanda, Spagna e Italia avevano affidato il ministero della Difesa a una donna. Nel 2002, la prima ministra della Difesa francese fu Michèle Alliot-Marie. Nel 2008, in Spagna, fu invece la catalana Carme Chacón la prima donna titolare del dicastero della Difesa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA