Elezioni, l'appello: «Candidare una donna a governatore della Calabria»

Mercoledì 13 Novembre 2019
La consigliera regionale Tonia Stumpo
Un candidato donna a governatore della Calabria. Un appello firmato da 147 donne. «Ci rivolgiamo a tutte le forze democratiche, alla società civile, al mondo accademico, alle forze politiche affinché alle prossime elezioni regionali venga scelta una candidata donna a Governatrice. Chiediamo inoltre di rispettare la presenza di genere nella formazione delle liste (in assenza di una legge regionale a tal riguardo) al fine di assicurare il diritto costituzionale in un ottica democratica partecipativa e rappresentativa».

Regioni, le 8 sfide del 2020. Anche il Pd: basta patti con i grillini

Prima firmataria dell'appello è la consigliera di parità della Regione Calabria, Tonia Stumpo. «Sarebbe un segnale forte - scrive - che restituirebbe alle donne un ruolo centrale e non più marginale e tutelerebbe dignità e diritti inalienabili per le donne. Il ruolo della donna non può essere più mortificato e circoscritto nell'ambito di una società di tipo patriarcale: bisogna creare opportunità di emancipazione e sviluppo economico e sociale nell'interesse generale no solo delle donne, ma dell'intera società. É il momento del coraggio, della svolta positiva. Bisogna finalmente dare spazio alle donne nella vita politica della nostra regione. Solo così possiamo pensare di riscattare la Calabria da anni bui di arretratezza sociale, economica e culturale. Per questo chiediamo e auspichiamo che siano candidate donne alla presidenza regionale e che sia rispettata la democrazia paritaria».

Regionali, M5S correrà da solo in Emilia Romagna e in Calabria

Le elezioni regionali si terranno domenica 26 gennaio 2020, lo stesso giorno dell'Emilia Romagna. L'attuale governatore Mario Oliverio vuole presentarsi di nuovo nonostante il parere contrario dei vertici del Pd. I dem infatti sperano sempre di strappare un accordo con il Movimento 5 Stelle nonostante il flop del voto in Umbria. L'imprenditore Pippo Callipo, sul quale puntavano i democratici, si è tirato indietro. Tutto da decidere anche nel centrodestra, con il veto della Lega che sembrerebbe sbarrare la strada al forzista Mario Occhiuto tanto che gli azzurri starebbero già cercando un candidato alternativo da presentare in queste elezioni regionali in Calabria. 


  © RIPRODUZIONE RISERVATA