FEMMINICIDIO

Il tragico bilancio degli avvocati matrimonialisti, il Codice Rosso non funziona

Venerdì 11 Ottobre 2019 di Franca Giansoldati

«Nonostante tutto, e anche da quando e' stata varata la legge (il Codice Rosso) le donne che continuano ad essere uccise sono tantissime: una media di una ogni due giorni». Il presidente degli avvocati matrimonialisti (Ami), Gian Ettore Gassani fa un bilancio della legge da poco in vigore accompagnandolo da un giudizio amaro: «Non riusciamo a capire che le leggi devono essere accompagnate da grandi investimenti economici».

Bergamo, uccide la moglie a coltellate e fugge: 47enne accerchiato si consegna ai carabinieri

In occasione del convegno «Se fa male non chiamarlo amore, luci ed ombre del codice rosso e della rete» il tema delle violenze e degli stanziamenti effettuati dalle istituzioni è tornato a fare capolino. Praticamente le stesse preoccupazioni che da più parti si erano levate a ridosso dell'approvazione della legge, quando diverse associazioni femminili e anche la vice presidente Mara Carfagna, avevano fatto presente che serviva un supporto concreto sia per raffozare il sistema dei centri nei quali le donne si vanno a rifugiare quando escono di casa a seguito di una violenza, sia un ampio progetto educativo capace di incidere nella mentalità e nella cultura attraverso percorsi anche nelle scuole. 

Napoli, rapita e stuprata dall'ex, il racconto choc di Romina: «Non si è fermato neanche davanti a nostra figlia»

Il codice rosso «non potra' mai portate davvero risultati se i centri anti-violenza chiudono e se la pianta organica dei magistrati vede una carenza di almeno 2mila unita'» ha aggiunto Gassani.

Cristian: «Ho ucciso Mihaela perchè mi voleva lasciare»

«Le procure sono senza magistrati. Quindi - prosegue - quando si dice che dopo la denuncia il magistrato deve sentire la donna offesa entro 3 giorni, e' praticamente impossibile perche' in molte procure i magistrati si devono occupare anche di reati di mafia...e diventa complicato». Al momento dunque, secondo il presidente degli avvocati matrimonialisti, «il codice rosso e' un segnale culturale ma non credo risolva i problemi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA