Pregiudizi di genere, donne decisamente migliori all'università ma per i colleghi i bravi sono maschi

Mercoledì 22 Luglio 2020
Pregiudizi di genere, donne decisamente migliori all'università ma per i colleghi i bravi sono maschi

Uno studio appena pubblicato della Colorado State University fa drammaticamente emergere i pregiudizi di genere in campo accademico. Soprattutto riesce a dimostrare che gli uomini vengono visti come studenti migliori rispetto alle donne, nonostante queste ultime ottengano sempre voti più alti. Il sondaggio che è alla base di questo studio si è basato sulle risposte di 935 studenti di scienze. Ognuno di loro era stato invitato a rispondere a domande sui propri compagni di classe e sulle loro effettive performance a scuola. I risultati sono stati poi confrontati con i voti effettivi per controllare se la percezione corrispondeva alla realtà. 

Si è scoperto così che nonostante le studentesse laureate fossero numericamente superiori e avessero superato gli uomini per brillantezza, i loro coetanei consideravano ancora i loro compagni di classe maschi studenti migliori nelle materie STEM. d

Solo un terzo degli studenti maschi ha visto le donne al primo posto nella classe. Questo nonostante il fatto che le donne avessero superato di gran lunga gli uomini nella media dei voti. 

Il nodo che la ricerca ha fatto affiorare è ben noto ai ricercatori sul gender gap. Non è un caso se le scienze fisiche hanno un problema nel reclutare donne per programmi universitari STEM. La conclusione è che a causa della discriminazione di genere, le donne avrebbero dovuto essere riconosciute migliori e classificarsi statisticamente più in alto in termini di numeri e gradi.

Ultimo aggiornamento: 16:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA