«Io, una possibilità per tante altre». Lillian, l'11 Settembre e la carriera nei vigili del fuoco di New York

Domenica 19 Maggio 2019 di Laura Bogliolo
Al centro Lillian Bonsignore (foto FDNY)
«Sono contenta di rappresentare una possibilità per qualcun altro». Quando combatti per dimostrare che non sei solo un pregiudizio, il sorriso e le parole di Lillian posso fare la differenza, aiutandoti a togliere la cenere dalla fiamma ormai spenta.

Lillian Bonsignore, 50 anni, nata nel Bronx, è la prima donna a capo dell'Ems (Emergency medical services) del New York City Fire Department. Ma è anche la prima lesbica a ricoprire un ruolo così importante. E' sposata, ha una figlia ed è stata tra le prime a rispondere alle richieste di aiuto durante l'attacco dell'11 Settembre. Si trovava nella base di Fort Totten ed è arrivata al World Trade Center quando la seconda torre è caduta.


«Lillian - ha detto il commissario Daniel Nigro del New York City Fire Department - è una persona che si è sempre fatta avanti affrontando con coraggio qualsiasi sfida e gestire il servizio medico migliore al mondo sarà la sua prossima grande sfida».

«Un giorno non dovremo parlare del fatto che sono una donna o che si è apertamente omosessuale quando si ottiene una promozione» ha commentato Lillian. Ma oggi quel giorno non è ancora arrivato, oggi ci sono 70 Paesi dove l'omosessualità è reato e sette in cui è punita con la pena di morte. E New York, la città dove è nata Lillian,  non ha mai avuto un sindaco donna.

«Oggi - ha aggiunto Lillian - è una questione di possibilità. Oggi sono qui come la prima donna a diventare il capo dell'Emergency medical services, la donna con il punteggio più alto in servizio e il membro di più alto rango che annuncia con orgoglio che è un membro della comunità LGBT. Oggi, sono orgogliosa di diventare una possibilità per qualcun altro. Oggi sono felice di dire che quelle possibilità sono realtà qui al New York City Fire Department». Lillian guiderà una squadra di 4.100 persone, tra paramedici, tecnici e impiegati. «Sono orgogliosa per quello che sta facendo per le donne, lei è un modello», il commento della figlia, Madeline Bonsignore. Al giuramento era presente anche la moglie Kim.

Lillian ha raccontato la sua vita. 
«Ho avuto un'infanzia difficile - ha detto su Firehouse.com - e non sarei in questa posizione se non fosse per le donne forti che ho incontrato durante il mio cammino. Mi hanno incoraggiata e mi hanno fatto andare avanti. A 18 anni Lillian era una mamma single che viveva nel Bronx. «Voglio dire a uomini, donne, gay ed etero che sì, è possibile essere una mamma single nel Bronx, e sì, è possibile arrivare a ricoprire ruoli così importanti all'interno dell'Ems».




  © RIPRODUZIONE RISERVATA