In Messico statue femminili coperte per protesta e domani sciopero di tutte le donne

Domenica 8 Marzo 2020

Singolare forma di protesta in Messico per evidenziare l'escalation di violenze contro le donne nel giorno dell'8 marzo. L'idea di coprire le statue delle sante nella chiesa è venuta a una parrochia a Città del Messico,  un gesto simbolico a sostegno dei diritti delle donne e per attirare l'attenzione sul vasto fenomeno della violenza. Piano piano l'iniziativa si è sviluppata ed è stata adottata in altre chiese. 

Padre José de Jesús Aguilar, vicedirettore della radio e della televisione dell'arcidiocesi di Messico ha detto in una nota inviata all’Agenzia Fides: «Sosteniamo fortemente le donne; si tratta di un sostegno alla loro dignità più profonda, e non significa in alcun modo che siamo a favore di nessun gruppo a favore dell'aborto o di qualsiasi gruppo politico». 

Oggi in Messico ci sarà una grande marcia e anche uno “Sciopero nazionale delle donne” indetto per domani, lunedì 9 marzo.
L’obiettivo è far sì che non ci sia neanche una donna negli uffici o nelle scuole. Nessuna donna nei ristoranti, nei negozi e perfino nei trasporti pubblici. L'idea è presentare un paese senza donne, per un giorno. La proposta è nata dai gruppi di femministe, ma ha suscitato l’appoggio di tante istituzioni inclusa la Chiesa cattolica, per dare al paese un segno forte e pubblico. L'iniziativa sembra avere superato barriere di ceto sociale, razza, gruppo politico o livello economico. #UnDíaSinNosotras è il motto e l'ashtag creato apposta sui social. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA