Deputata insultata per una spalla nuda in Aula. E lei risponde: «Non sono ubriaca o sgualdrina»

Giovedì 6 Febbraio 2020
Deputata insultata per una spalla nuda in Aula. E lei risponde: «Non sono ubriaca o sgualdrina»

Una spalla nuda a Westminster. La ministra-ombra laburista per la Cultura Tracy Brabin durante una seduta in Parlamento ha indossato un abito che le lasciava nuda una spalla ed è stata presa di mira. Durissime critiche nei confronti della deputata. Su Twitter sotto la foto della ministra-ombra commenti feroci, qualcuno è arrivato a darle della prostituta, altri si sono chiesti se fosse questo un abbigliamento adeguato in Parlamento, e ancora c'è stato chi si è lamentato «come siamo caduti in basso».

Insulti sessisti alla ministra De Micheli da Casapound per un vestito rosso

Alle polemiche Tracy Brabin ha risposto, sempre su Twitter: «Non sono: una put.., con i postumi di una sbronza, una prostituta, sul punto di allattare, una sgualdrina, ubriaca, non sono stata appena sbattuta su un secchione dell'immondizia. Chi avrebbe mai pensato che la gente potesse scaldarsi tanto per una spalla…»

Boschi lancia una petizione: «Basta giudicare le donne per come vestono»

 

Hello. Sorry I don’t have time to reply to all of you commenting on this but I can confirm I’m not....
A slag
Hungover
A tart
About to breastfeed
A slapper
Drunk
Just been banged over a wheelie bin.

Who knew people could get so emotional over a shoulder... 🙄 https://t.co/sTWWiEY2TF

— Tracy Brabin MP 🌹 (@TracyBrabin) February 4, 2020 >

Una risposta «di routine», ha detto Brabin alla Bbc, che rappresenta «un altro esempio del sessismo quotidiano che le donne affrontano». La deputata stava tenendo un intervento sulla decisione di Downing Street di escludere alcuni giornalisti da un briefing del governo sull'Ue e le polemiche sul suo abbigliamento hanno distratto l'attenzione dai contenuti del suo discorso, accusa. «Il comportamento del governo in queste materie minaccia i valori fondamentali dell'imparzialità e dell'obiettività del servizio civile - ha detto Brabin - Mette anche in discussione l'integrità dei futuri briefing dei media governativi e la condotta dei loro consiglieri speciali, e danneggia una stampa libera che è centrale in questa democrazia parlamentare».

Teresa Bellanova, insulti sessisti alla nuova ministra nel giorno del giuramento

Brabin prima ha anche parlato contro il sessismo in politica, accusando alcuni attivisti del suo stesso partito di aver cercato di condurre campagne contro le parlamentari donne, poco prima delle elezioni. A chi l'ha insultata sui social, la ministra-ombra ha risposto: «Sono degli idioti e dei maleducati, ma non ho intenzione di perdere il sonno per loro». Brabin è entrata in Parlamento subentrando a Jo Cox, la deputata laburista assassinata nel 2016 da un estremista neonazista. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA