CORONAVIRUS

Coronavirus, donna per protesta si sdraia in strada: «Aiuto, mio marito ha bisogno del tampone»

Martedì 24 Marzo 2020

«Aiuto, mio marito ha il coronavirus. Fategli un tampone». Una donna si sdraia sull'asfalto, nel riona Sanità a Napoli, la mascherina in faccia. E urla, chiedendo che qualcuno vada in soccorso al marito che lei teme abbia il virus ma nessuno da tre giorni risponde alle sue richieste. Succede in via Fontanella.

«Aiutatemi, mio marito da tre giorni chiama per un tampone», ripete ai passanti, ma nessuno si avvicina per paura che anche lei possa essere contagiata. Sul posto è intervenuta una pattuglia della polizia per capire le ragioni della protesta della donna, racconta NapoliToday. Poco dopo arriva in quella strada un'ambulanza per il biocontenimento, tra gli applausi dei vicini affacciati alla finestra.

A Salerno, nel Vallo di Diano,  il vice sindaco di Auletta ha dovuto attendere cinque giorni. Alla fine era positivo. Ora la intera comunità chiede controlli che non arrivano. In queste ore il sindaco di Sant’Egidio lancia l’allarme nel suo Comune perché i sintomatici non vengono sottoposti al tampone.

Coronavirus, De Magistris: «Napoli vuota mi fa piangere ma sono ottimista»
 


 

Ultimo aggiornamento: 11:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA