CORONAVIRUS

#Mascherina 1522, il nome in codice in Italia per denunciare la violenza

Lunedì 23 Marzo 2020 di Maria Lombardi

L'isolamento, ma anche la paura. La casa protegge dal contagio ma non dalla violenza, per tante donne la quarantena rischia di diventare un inferno di botte, minacce e insulti senza nemmeno la possibilità di fuggire e chiedere aiuto. Telefonare al numero verde per le violenze, sempre in funzione. Ma come si fa se chi ti perseguita è lì accanto e controlla ogni movimento? Il caso della Cina inquieta: durante il blocco totale a Wuhan le violenze domestiche sono aumentate in modo preoccupante.

Come può chiedere aiuto una donna in pericolo, reclusa in casa?  In Spagna basta entrare in una qualsiasi farmacia e dire «mascherina 19», in spagnolo “mascarilla 19”, per denunciare la violenza.

Anche l'Italia segue l'esempio. #mascherina 1522" è la campagna lanciata da "Staffetta democratica" per aiutare le vittime di violenza durante l'emergenza coronavirus. É questo il grido di aiuto che sarà raccolto dalle farmacie e da qualsiasi presidio sanitario, facendo scattare l'intervento delle forze dell'ordine. Il nome in codice che in Italia consentirà alle vittime di denunciare l'abuso senza neanche dover fare una telefonata.

Allarme Cismai: «Troppi bambini ora sono più invisibili. Serve decreto per l'infanzia maltrattata»

Appello senatrice Valente alle donne: «non vi scoraggiate e denunciate le violenze domestiche»

«Abbiamo inviato una lettera al premier Conte per richiamare l'attenzione sulle conseguenze che le restrizioni per  fronteggiare l'emergenza coronavirus possono avere nei contesti familiari segnati dalla presenza di maltrattamenti e violenze», spiega l'avvocato Andrea Catizone, promotrice dell'appello insieme alla professoressa Fabrizia Giuliani, docente di Filosofia del Linguaggio alla Sapienza. «Lo Stato deve far sentire la sua vicinanza alle vittime, non abbandonarle in questo momento. É necessario ristabilire un filo di dialogo con le donne costrette in casa e in pericolo, riattivare la fiducia nelle istituzioni. E per questo abbiamo chiesto che sia promossa una comunicazione pubblica per divulgare il numero verde antiviolenza e stalking 1522». Per chi non ha alcuna possibilità di chiamare, c'è il nome in codice #mascherina 1522

Coronavirus, la Cgil: «In caso di violenza domestica sia trasferito chi maltratta»

Coronavirus, ministra Bonetti assicura: sempre attivo il numero 1522 contro la violenza sulle donne

La lettera ha già raccolto 500 firme ed è stata indirizzata, oltre che al premier Conte, anche alle ministre e ai ministri dell'Interno Luciana Lamorgese, della Famiglia e delle Pari opportunità  Elena Bonetti, del Lavoro Nunzia Catalfo, dell'Economia Roberto Gualtieri, della Giustizia Alfonso Bonafede e della Salute Roberto Speranza.

Coronavirus, “mascherina 19” la parola in codice per le vittime di violenza: così possono chiedere aiuto in farmacie

«Occorre evitare - si legge nella lettera - che il principio della tutela della vita umana, alla base delle ordinanze di restrizione, venga meno o si rovesci, al contrario, in una maggiore esposizione alla violenza per le donne e i loro figli, spesso minorenni, condannati a subire o ad assistere alla violenza.  Ci uniamo, dunque, alla voce della ministra Elena Bonetti perché il numero abbia la più ampia diffusione e perché venga adottata ogni misura necessaria, nei luoghi di raccolta delle denunce e negli ospedali, perché si vigli in modo capillare sull’applicazione della normativa».

Tra le firmatarie,  Cristina Comencini,  Laura Boldrini,  Pina Picierno,
Beatrice Lorenzin, Tiziana Ferrario, Livia Turco,   Anna Finocchiaro,  Susanna Camusso,  Elisa Ercoli,  Anna Serafini,  Bernardini de Pace. 

Ultimo aggiornamento: 17:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA