CORONAVIRUS

Coronavirus, WeWorld: «Una help-line per le donne in difficoltà»

Giovedì 26 Marzo 2020

WeWorld attiva una nuova helpline - al numero 800.13.17.24 - per dare sostegno alle donne in difficoltà o che si sentono oppresse a causa della quarentena. WeWorld, organizzazione che da 50 anni si occupa di garantire i diritti di donne, bambini e bambine in 29 Paesi, compresa l’Italia, è presente a Roma con lo Spazio Donna di San Basilio.

Chi ha bisogno può anche scrivere al seguente indirizzo: ascoltodonna@weworld.it». Per denunciare casi di violenza si raccomanda di chiamare il numero nazionale 1522. Le consulenza telefoniche saranno gestite da personale competente, al quale si potrà aggiungere un ulteriore intervento specialistico (psicoterapeuta, psicologa dell’età evolutiva). Sarà attivo, durante tutti i giorni, da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 18.00 e sabato mattina dalle 9.00 alle 13.00.

Le voci delle donne dai centri antiviolenza: «Fortuna non essere a casa ai tempi del "maritovirus"»

Al via la campagna "Libera puoi": attori a cantanti in aiuto delle donne vittime di violenza

Padova, in quarantena col marito violento, massacrata a colpi di martello: è grave

«Il Coronavirus sta mettendo alla prova molte famiglie. La convivenza forzata con bambini, mariti e spesso anziani da accudire, sta aumentando in maniera esponenziale il carico familiare, che come sappiamo ancora oggi nella maggior parte delle famiglie del nostro Paese ricade quasi esclusivamente sulla componente femminile della coppia», commenta Marco Chiesara, Presidente di WeWorld.

«Se questa è la situazione nella normalità, le donne in situazioni problematiche o vittime di violenza in ambito domestico, in questi giorni stanno vedendo un drastico peggioramento della propria situazione. Per le donne vittime di violenza, restare a casa significa infatti dividere h24 gli spazi familiari con il proprio maltrattante, significa essere isolate da tutti e vedere il proprio spazio personale assottigliarsi di ora in ora. WeWorld ha quindi deciso di mettere in campo una serie azioni per far sentire alle donne in difficoltà che non sono sole».

© RIPRODUZIONE RISERVATA