CORONAVIRUS

Le nonne del Trentino sferruzzano una coperta di 115 metri per abbracciare i malati di Covid

Venerdì 17 Luglio 2020

Un gesto d'amore pensato da tante nonne durante le giornate de lockdown, quando l'ansia arrivava nelle case con le notizie di tanti anziani morti soli, senza il conforto dei figli e dei nipoti. Le nonne del Trentino hanno realizzato, sferruzzando in co-working, una coperta di 115 metri quadrati per abbracciare idealmente tutte le persone che hanno sofferto la solitudine, l'isolamento o la malattia durante i mesi dell'emergenza sanitaria.

L'hanno realizzata le donne Vip (Vispe in pensione) di Tuenno, un piccolo centro nella valle dell'Adamello. L'idea e' nata quasi per gioco: e' bastato un giro di telefonate tra le dieci signore del paese  e subito e' partito il progetto, chiamato "Il filo che ci unisce".

Ne e' nato un maxi lavoro a maglia che ha coinvolto diversi paesi della provincia. Dopo aver contattato amiche e conoscenti dei vari paesi che formano Ville d'Anaunia, le Vip hanno lanciato l'invito attraverso i social e cosi' in tantissime case si e' tornati a lavorare a maglia.

«In breve tempo siamo state sommerse da foto, incoraggiamenti e ringraziamenti», raccontano le protagoniste. Nonne che hanno ripreso a sferruzzare dopo anni, rispolverando abilita' sopite, e giovani mamme che si sono affidate ai tutorial su YouTube per imparare i punti con i loro bambini.

«Questo filo ci ha unito e ci ha fatto compagnia, consentendoci di affrontare con spirito diverso le settimane della segregazione», sono le parole delle Vip, che hanno condiviso le immagini dei loro lavori su Facebook e in chat. Quindi il progetto e' di fatto esploso: man mano che passavano i giorni e le settimane la comunita' si e' ampliata raggiungendo anche le valli del Trentino piu' lontane: hanno collaborato persone di Coredo, Cles, Mezzocorona, Trento, San Martino di Castrozza, Rovereto, Castel Tesino, Civezzano, Besenello, Cagno', Casez, Tregiovo, Cis, Mechel.

La grande coperta colorata, del peso di 2 quintali, sara' esposta sabato alle 18 in piazza a Tuenno, anche grazie all'aiuto dei vigili del fuoco e degli alpini. E' il simbolo del cuore grande delle donne e della loro capacità di lavorare alla speranza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA