CORONAVIRUS

Coronavirus, donne e giovani restano a casa, il 4 maggio tornano al lavoro gli uomini (72,4%)

Giovedì 30 Aprile 2020 di Maria Lombardi
Gli uomini (molti di più) torneranno a lavoro e le donne (molte di più) resteranno a casa. Ecco l'Italia del 4 maggio, si esce dal lockdown e ci si ritrova in un paese che sembra quello di mezzo secolo fa. Lui in cantiere, in fabbrica, in ufficio. Lei con i bambini, anche perché chi se ne prende cura con le scuole chiuse e i centri estivi che non apriranno e i nonni da tutelare? Che domanda! Le mamme, sempre loro. Perché  la pandemia ha sconvolto la vita e anche gli equilibri di genere che già erano squilibrati, adesso lo sono ancora di più. Sarà un'Italia d'altri tempi, quella del 4 maggio, perché a tornare a lavoro saranno al 72,4 per cento uomini. Donne e giovani restano fuori, al momento i più penalizzati dalla crisi e dal calendario delle riaperture. A rappresentare con grafici e cifre cosa ci aspetta dopo la quarantena sono due studiosi, Alessandra Casarico, professoressa di Scienza delle finanze alla Bocconi, e Salvatore Lattanzio, ricercatore  in economia all’Università di Cambridge.

Coronavirus, il direttore dello Spallanzani: «Le donne non valorizzate, serve il loro sguardo innovativo nella fase 2»

#datecivoce lancia flash-mob virtuale: il 2 maggio foto sui social per chiedere più donne nelle task-force

Le donne presentano il conto al Premier, servono strumenti di parità per uscire dalla crisi

Coronavirus, Bonetti alla presentazione della ricerca del Toniolo: «Più politiche per sostenere i giovani ad affrontare l’emergenza»

I settori. E così dopo essere state escluse dal comitato scientifico del governo (del tutto) ed essere state coinvolte in numero ridicolo nella task-forse della ripartenza di Vittorio Colao, le donne il 4 maggio saranno in poche al lavoro e in molte ancora a casa. Riaprono 
manifattura, costruzioni e commercio all’ingrosso. Settori prevalentemente maschili ed è questa la ragione di quel 72,4 per cento. Il risultato che sulle spalle delle mamme finirà per pesare sempre di più il carico di cura e il lavoro in famiglia. E quando ci sarà da decidere chi dovrà fare un passo indietro per occuparsi dei figli che non vanno a scuola, la decisione in pratica è già presa: le donne, che tanto sono rimaste a casa. Sempre meno a lavorare, sempre meno a cercare lavoro e la percentuale già bassa dell'occupazione femminile in Italia (una su due lavora) rischia di crollare, una situazione che non possiamo permetterci.  Nei giorni scorsi sui social è partito l'appello delle mamme che non vogliono essere costrette a tornare casalinghe. 


 





Coronavirus e bambini, la maggioranza incalza Conte: «Sostegno per i genitori e mascherine per i piccoli»

Coronavirus, «Noi madri senza aiuti non possiamo lavorare», sos al governo: chi starà con i bambini?

Per le attività che erano già aperte e per quelle che resteranno chiuse c'è un sostanziale equilibrio tra uomini e donne, anche se in quelle chiuse la percentuale femminile è leggermente superiore. Dal 18 maggio sarà il turno di commercio al dettaglio, musei e biblioteche. 



I giovani. Non va meglio per i giovani, anche loro lockdown prolungato. Nelle attività che resteranno chiuse dopo il 4 maggio sono impiegate il 33,5 per cento dei giovani fino al 29 anni e il 28,5 di quelli che hanno fino a 39 anni. È particolarmente evidente lo squilibrio tra quelle che restano chiuse – dove un lavoratore su tre ha meno di 30 anni e quasi due su tre hanno meno di 40 anni – e quelle che sono aperte o riapriranno a breve, che coinvolgono le fasce più avanti con l'età.  Dunque saranno donne e giovani a sopportare più a lungo la reclusione”. 
 





  Ultimo aggiornamento: 2 Maggio, 15:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA