CORONAVIRUS

Senza mascherine e contratti, colf e badanti a rischio: l'allarme della Cgil

Venerdì 3 Aprile 2020

Mascherine a loro carico e difficili da reperire, spesso senza contratti o irregolari, nessun ammortizzatore sociale. È il mondo sommerso delle collaboratrici domestiche e delle badanti per lo più donne e straniere, la maggior parte delle quali lavorano nelle case degli anziani rappresentando un pezzo importante del welfare italiano e un supporto indispensabile per le nostre famiglie. A lanciare l'allarme sono i sindacati Filcams Cgil e Spi Cgil, che chiedono al governo e alle istituzioni regionali e comunali una serie di misure da prendere con assoluta urgenza.

Coronavirus, reddito di emergenza a 6 milioni di italiani: assegno si alza a 800 euro al mese

Coronavirus, colf e badanti: «Corsa ai contratti regolari»

Coronavirus, assegno di 600 euro per tutti: anche a chi lavora in nero

Oltre 860 mila le colf e badanti iscritte agli elenchi dell'Inps, che diventano 2 milioni con tutte quelle che sfuggono dalle statistiche ufficiali. Il sindacato segnala per quanto riguarda i dispositivi di protezione individuale che, al momento per le famiglie e i lavoratori si è ricorso a soluzioni artigianali, ma dovrebbero essere garantiti dalle istituzioni regionali e comunali visto che sono dispositivi necessari ad evitare la diffusione del contagio in un contesto particolarmente a rischio come quello familiare, dove vivono anche anziani in condizioni spesso di non autosufficienza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA