CORONAVIRUS

Coronavirus, Bonetti: «Più posti nei centri anti-violenza»

Mercoledì 18 Marzo 2020
Coronavirus, Bonetti: «Più posti nei centri anti-violenza»

«Purtroppo abbiamo registrato un calo delle telefonate» al numero antiviolenza 1522. «Questo significa non che le donne sono meno soggette alla violenza, ma che hanno paura o che pensano che dall'altra parte non ci sia nessuno. E c'è anche la difficoltà di telefonare, di farlo da casa. Con la ministra Lamorgese stiamo studiando un modo per permettere ai territori di dotare i centri antiviolenza di eventuali alloggi aggiuntivi oltre quelli di cui già dispongono per poter tenere le donne che escono di casa in una situazione di isolamento». Lo ha detto la ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti in una intervista a Rai Radio Uno.

Coronavirus, l'allarme dalla Cina: con la quarantena più che raddoppiate le violenze in casa

I centri antiviolenza a Conte, la quarantena porterà ad un aumento di abusi sulle donne in casa

«Il costo di questa operazione - ha aggiunto - verrà coperto da un fondo straordinario che sto mettendo a disposizione presso il dipartimento per le Pari Opportunità. Stanzieremo quello che serve, in questo momento le risorse sono a servizio delle persone che necessitano del nostro aiuto ovviamente per me in prima linea ci sono le donne vittime di violenza»

© RIPRODUZIONE RISERVATA