Morta Shen Jilan, la deputata cinese eletta 13 volte: ottenne la parità di retribuzione tra uomini e donne

Martedì 30 Giugno 2020
Morta Shen Jilan, la deputata cinese eletta 13 volte: ottenne la parità di retribuzione tra uomini e donne
Shen Jilan, la deputata dell'Assemblea Nazionale del Popolo rimasta più a lungo in carica nella storia della Cina, è deceduta all'età di 91 anni nella provincia dello Shanxi, in Cina settentrionale. Eletta per 13 volte consecutive, Shen è stata l'unica persona a essere stata presente dal 1954 in tutte le legislature dell'Assemblea Nazionale del Popolo, il parlamento nazionale a cui, secondo la legge elettorale cinese, possono essere eletti i cittadini che hanno almeno compiuto 18 anni. Il suo decesso, avvenuto la scorsa domenica 28 giugno, ha interrotto il suo ultimo quinquennio iniziato nel 2018. Nel 1954 Shen è stata la parlamentare che ha proposto la norma sulla «parità di retribuzione per lo stesso lavoro» tra uomini e donne, inclusa nella prima Costituzione della Repubblica Popolare Cinese.

Cina, piano contro la povertà: Alibaba porta istruzione e formazione in campagna

Scienziata cinese chiamata Bat-Woman: la chiave per svelare i misteri del laboratorio a Wuhan


Shen è nata il 29 dicembre 1929 in una famiglia di contadini in un remoto villaggio sui monti Taihang, base rivoluzionaria del Partito Comunista Cinese nella contea di Pingshun, nello Shanxi. All'età di 17 anni sposò un uomo del villaggio di Xigou nella contea. All'epoca, la maggior parte delle donne aveva ancora i «piedi di loto», l'antica usanza di fasciare i piedi e la suocera continuava a dirle di restare a casa. Solo gli uomini lavoravano la terra. A Xigou, dove la terra era perlopiù sterile, gli abitanti del villaggio lottavano per sopravvivere. Nel 1951, due anni dopo la fondazione della Repubblica Popolare Cinese, il villaggio formò una cooperativa per espandere l'agricoltura e cercare di sopravvivere. Li Shunda, a capo della cooperativa, chiese alle donne di unirsi al lavoro agricolo. Shen fu nominata vice della cooperativa e riuscì a mobilitare le donne attraverso visite porta a porta e la persuasione, solo per poi scoprire che non avrebbero avuto la stessa paga degli uomini. Non importava quanto lavoro le donne facessero, ognuna di loro poteva ottenere al massimo solo cinque punti di lavoro al giorno, la metà di quelli guadagnati da un uomo che faceva lo stesso lavoro. Quello dei punti di lavoro era un sistema di retribuzione del lavoro durante il periodo dell'economia pianificata in Cina, in cui i cereali e altri materiali venivano assegnati ai contadini in base ai punti di lavoro guadagnati lavorando la terra collettiva.

 Per dimostrare che donne e uomini dovevano essere trattati allo stesso modo, Shen organizzò una gara di concimazione. Le donne prevalsero sugli uomini, molti dei quali prendevano pause per fumare. Come risultato, Shen e altre donne riuscirono ad avere la stessa retribuzione degli uomini. Li e Shen guadagnarono fama nazionale nel 1953 grazie alla copertura mediatica della cooperativa del villaggio. Shen partecipò al Congresso Mondiale delle Donne a Copenaghen lo stesso anno come modello per la liberazione delle donne. Eletta deputata dell'Assemblea Nazionale del Popolo, partecipò alla prima sessione della prima Assemblea Nazionale del Popolo nel 1954. Fu durante la sessione che venne approvata la prima Costituzione che legittimava la «parità di retribuzione per lo stesso lavoro», come lei stessa aveva proposto. 

  © RIPRODUZIONE RISERVATA