Pranzo di Natale tra i detenuti: «Troppe donne in carcere a causa di un uomo»

Martedì 17 Dicembre 2019 di Rosalba Emiliozzi
3
Al centro Marcella Reni, tra Arianna Ciampoli e, a destra,  la chef Marianna Vitale 
Pranzo di Natale tra i detenuti
«Le donne in carcere a causa di un uomo»

«Le donne solitamente non sono in carcere perché sono delle criminali, spesso dietro il reati commessi c’è un uomo. Sono finite dentro per difendere un uomo o per difendersi da un uomo, o ancora per difendere i figli da un uomo. Altre volte sono in galera per coprire un uomo, si accollano reati che non hanno commesso, lo fanno per amore o solo per una debolezza culturale, una sorta di sudditanza psicologica che resiste ancora quando si proviene da famiglie che non hanno saputo o voluto fare crescere la donna sotto il profilo culturale e sociale, quando mancano un titolo di studio e un lavoro che danno autonomia». Cioè quando l’uomo è tutto e in quel tutto c’è anche la condivisione di un futuro, qualunque esso sia.

Le detenute-calciatrici scrivono alle Azzurre: «Tifiamo per voi»

A parlare è Marcella Reni, 60 anni, notaio calabrese e al vertice dell’Ordine dei notai di Palmi, ma soprattutto è presidente da 10 anni dell’associazione Prison Fellowship Italia onlus e organizza il pranzo di Natale tra i detenuti e le detenute in 12 carceri italiane. «Abbiamo iniziato con Rebibbia femminile e con gli anni il progetto è cresciuto. E’ una speranza per chi vive nelle carceri. Ho conosciuto gli ultimi, i peggiori - racconta Reni - e ho sempre ricercato la dignità, dalle loro esperienze mi sono resa conto che il male non si vince con il male ma con il bene, solo il bene porta un cambiamento». E questo è visibile nelle donne detenute che spesso, come succede a Rebibbia, hanno i figli accanto. «Quando le si aiuta, si percepisce il cambiamento - aggiunge Reni - e un aiuto può venire anche in carcere, con il “Pranzo d’amore” ma anche con un corso di cucina che insegna loro un mestiere che può diventare un lavoro».

Roma, inaugurata la “Casa di Leda” per mamme detenute e bambini

Perché la “filiera” dell’iniziativa “L’Altra cucina ... per un Pranzo d’amore” in dodici carceri italiane è lunghissima e mette in campo la solidarietà di grandi chef stellati, 12 per l’appunto, uno per ogni carcere che domani (mercoledì 18 dicembre) per una giornata lasciano le loro cucine e preparano i piatti per i detenuti e le detenute di Rebibbia femminile (Roma), Milano Opera, Le Vallette di Torino, Pagliarelli di Palermo e le carceri di Massa Carrara, Salerno, Siracusa, Trani, Aversa, Eboli, Castelfranco Emilia e Ivrea. Per un giorno la prigione è il passato. Vere tavole di Natale, apparecchiate con addobbi e il senso di famiglia, vengono allestite nelle sale teatro del carcere o lungo i corridoi dove i duemila detenuti e detenute, coinvolti nel progetto, di solito mangiano. Seicento i volontari serviranno il pranzo, tra loro anche personaggi famosi e vip come l’attrice Maria Grazia Cucinotta, la cantante Teresa De Sio e la chef Marianna Vitale presenti in conferenza stampa.

«La Cura: no alla violenza, sì al recupero. Una sfilata di moda per fermare il femmicidio»

«A Rebibbia femminile domani ci sarà lo chef Francesco Apreda e per i bambini sono previsti spettacoli e giocolieri fin dalla 10,30 del mattino - aggiunge Reni - a Opera al pranzo di Natale verranno le famiglie dei detenuti e a servire saranno le vittime di reato coinvolte attraverso il progetto Sicomoro. A Torino e Ivrea a servire a tavola saranno gli agenti di polizia penitenziaria perché spesso si intrecciano anche rapporti di amicizia». 
L'iniziativa è promossa da Prison Fellowship Italia Onlus, Rinnovamento nello Spirito e Fondazione Alleanza Onlus del RnS. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA