Calcio, rivoluzione Ajax: parità contrattuale per uomini e donne

Venerdì 26 Luglio 2019
La squadra femminile dell'Ajax

Rivoluzione Ajax, arriva la parità contrattuale tra uomini e donne che segnerà una svolta nel calcio femminile. Il club olandese, infatti, ha ufficialmente introdotto la novità che dalla prossima stagione mette sullo stesso piano i propri tesserati.  Edwin Van Der Sar, direttore generale, insieme a Ko Andriessen, direttore del sindacato ProProf, hanno firmato un accordo per l’equiparazione contrattuale tra uomini e donne, un’apertura «totale» al calcio femminile che si configura come un esordio per le grandi società del panorama europeo.

Non si tratta ovviamente di stipendiare una calciatrice della prima squadra femminile come uno della prima squadra maschile a un calciatore, ma la novità rappresenta un passaggio epocale.  Un passo decisivo verso il professionismo, uno dei grandi temi del Mondiale svoltosi in Francia tra giugno e luglio, il più seguito di sempre, al quale la norvegese Ada Hegerberg, l’ultima vincitrice del Pallone d’Oro, non aveva partecipato proprio per protestare contro la disparità di trattamento.

Uomini e donne al momento non guadagneranno le stesse cifre, ma questa svolta mette le basi perché un giorno l’uguaglianza possa essere anche economica. «Con questo accordo collettivo possiamo fare un altro passo in avanti verso il professionismo - ha commentato Daphne Koster, responsabile della sezione femminile dell’Ajax - Spero che altri club seguano il nostro esempio. Finora potevamo firmare soltanto contratti della durata massima di due anni e una tesserata poteva andarsene anche a metà stagione. Questo accordo cambia completamente le cose».

Ultimo aggiornamento: 09:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA