Giorgia, 11 anni, in cura negli Usa per un trapianto. «La famiglia non può raggiungere lei e la mamma, aiutiamola»

Venerdì 5 Giugno 2020
Giorgia, 11 anni, in cura negli Usa per un trapianto. «La famiglia non può raggiungere lei e la mamma, aiutiamola»

Giorgia è una bambina di 11 anni affetta dalla Sindrome di Berdon, malattia genetica che blocca l’intero apparato grastrointestinale e che le ha impedito di mangiare fino allo scorso novembre 2019. Dopo 5 anni in lista lista d’attesa a Pittsburgh, il team dei trapianti pediatrici del Children Hospital le ha trapiantato l’intestino. Giorgia ha avuto varie e gravi complicazione, diversi rigetti, vive ancora negli Usa con la mamma e il fratello. La zia vorrebbe raggiungerla da Lecce per aiutare la mamma, non può perché il visto sanitario di Elisa è scaduto.

Con una petizione su charge.org i tanti amici, zii e sostenitori di Giorgia chiedono l'intervendo del ministro degli Esteri Luigi Di Maio per aiutare la famiglia della bambina a raggiungerla negli Usa.

Giorgia Pagano, trapianto multiorgano terminato per la bimba di 11 anni. La madre: «È l'ultima spiaggia»

«Giorgia - si legge nella petizione - ha avuto diversi rigetti anche di grado severo, effetti collaterali degli immunosoppressori, diabete post-trapianto, alla fine anche una pericardite che le sta causando dolori fortissimi e che spesso neanche la morfina riesce a tenere a bada. Elisa oggi è stanca, ha un forte stress ed ha bisogno di sostegno, ha bisogno di aiuto al più presto! Nella pagina FB “aiutiamo Giorgia” sono tantissimi gli zii virtuali che ormai la seguono da anni e la sostengono, ma ora è necessario l’appoggio della famiglia, che è insostituibile. Giorgia & family vivono negli USA con un visto sanitario purtroppo oggi scaduto. Il rinnovo lo potranno avere solo quando riapriranno gli uffici, chiusi causa Covid. Questo impedisce ai famigliari l’ingresso su suolo americano! Chiediamo al Ministro Di Maio di intervenire in urgenza con lo Stato americano affinchè venga rilasciata un autorizzazione umanitaria per l’ingresso negli USA ai famigliari»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA