Annachiara, 21 anni: «Salvo le baby-prostitute e combatto il traffico di bimbi»

Mercoledì 15 Gennaio 2020 di Maria Lombardi
Annachiara, 21 anni: «Con la mia Ong salvo le baby-prostitute e combatto la tratta di bimbe»

«Sono rimasta orfana. Devo mantenere i miei fratellini e un'amica mi ha portato al  bar». «Mi hanno dato delle caramelle, mi hanno detto: devi essere carina. Io non ne sapevo niente degli uomini». Sono poco più che bambine, hanno 12-13 anni, vivono a Katmandu, in Nepal. Girano nei locali, in vestagliette, drogate e imbambolate si vendono ai turisti. Annachiara Sarto ha 21 anni, è di Castelfranco Veneto, ragazzine così ne ha incontrate tante. La prima volta che ha ascoltato i loro racconti è svenuta. É andata in un bar di Katmandu dove non si beve, lì si va per le baby-prostitute: ha visto e  filmato quelle bimbe in vendita ed è riuscita a salvarne qualcuna. E tante tante di più vuole salvarne, perchè Annachiara, a soli 21 anni, ha scelto di dedicarsi a questa battaglia: combattare il traffico dei minori. Ha creato una onlus, si chiama  Protection 4 kids e combatte - grazie a un team specializzato in cyber investigazione - la pedopornografia online e la vendita di minori sul web. Il progetto dell'organizzazione è quello di individuare i colpevoli ed eliminare i siti che promuovono questi traffici.

Neonati venduti, traffico Armenia-Italia: 30 bimbi sottratti alle famiglie con l'inganno e dati in adozione

Annachiara, che oggi studia diritto internazionale all'università dell'Aja, ha capito che questa sarebbe stata la sua missione quando ancora era al liceo. Era in Sudafrica, per un programma di scambio tra studenti.  «Melody, la mamma che mi ospitava, ha ricevuto una chiamata dalla maestra d'asilo del figlio Noah di 4 anni che le diceva di recarsi il prima possibile a scuola», racconta Annachiara al settimanale  "F". «L'ho accompagnata. Le maestre ci hanno comunicato che quel giorno due finti genitori erano andati all'asilo con un piccolo van e avevano rapito quattro bambini dicendo loro che erano d'accordo con le loro famiglie per portarli a casa. Le tracce di quei 4 bambini sono andate perse per sempre. Quattro bambini nelle mani di quei due trafficanti e chissà poi di quanti altri. Capisco che c'è un mondo sommerso che non conosciamo. Torno in Italia che ho già fatto la mia scelta: voglio lavorare per combattere la tratta dei minori».

Pedofilia, Papa Francesco chiede a Facebook, Google e Amazon di proteggere i bambini

Entra in contatto con Chhori, in nepalese vuol dire sorella, un'associazione di ragazze che salvano le bambine dai bordelli illegali e le aiutano a costruirsi un'altra vita. Va in Nepal, con la mamma medico, e incontra alcune baby prostitute a Katmandu. Entra in uno di questi locali, filma quello che vede, aggancia le piccole vittime. Di ritorno in Italia fonda We act (Women empowerment against children and human trafficking) e poi crea Protection 4 kids. «Penso che oggi il traffico di esseri umani e la connessa violenza di genere sia uno dei crimini internazionali dei quali la gente sia meno al corrente. Quando invece il numero di persone coinvolte nel traffico di esseri umani oggi supera i 20 milioni in tutto il mondo».

Ragazza schiava di una banda da quando aveva 11 anni viene stuprata da 500 uomini

I progetti di Protection 4 kids sono tanti. «Costruiremo una casa per bambine violate in Colombia, a Medellin, per proteggere e inserire nella società le vittime di tratta. E torneremo a Katmandu con Chhori che sosteniamo e con cui collaboriamo. A volte di notte chiudo gli occhi e rivedo le luci di quei locali, i divanetti sporchi». E quelle bimbe stordite, in négligé, tra uomini ubriachi.

Ultimo aggiornamento: 14:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA