All'Italia maglia nera del gender gap, 38% di donne nei cda ma solo il 12% ai vertici di una azienda

Giovedì 11 Giugno 2020

Parità di genere nelle aziende: all'Italia va la maglia nera tra i grandi paesei europei. L'equità tra uomini e donne nelle societa' quotate, nonostante il nostro paese abbia il primato per le quote rosa nei consigli di amministrazione, a seguito della legge Golfo-Mosca, resta sempre al palo.

Una ricerca di Equileap su dieci indici di Borsa e 255 societa' quotate, finanziata dalla Commissione europea, attribuisce alle aziende del Ftse Mib 40 un voto complessivo di gender equality di 42%, inferiore a quello dei principali indici di Francia (52%), Svezia (49%), Spagna (46%) e Germania (44%).

Questo giudizio vede Piazza Affari in quinta posizione ed e' basato su 19 criteri, dalla rappresentanza di genere nella forza lavoro al divario retributivo tra uomini e donne, dai congedi retribuiti alle politiche anti-molestie La ricerca, sottolinea come l'Italia sia il primo paese per quote rosa nei consigli di amministrazione, con il 38%. A questa rappresentazione femminile nei consigli non corrisponde, pero', un'analoga presenza ai vertici: sono donne solo il 12% dei capi azienda e il 18% degli alti dirigenti. Insomma solo operazioni di facciata.

l listino milanese si distingue anche per trasparenza nelle retribuzioni, con il 58% delle aziende che pubblicano i dati sui compensi di uomini e donne a fronte di una media europea del 28%. E nel 2019, il gender pay gap in Italia e' del 5%, il terzo piu' basso in Europa.

L'Enel e' l'unica azienda italiana ad aver annullato i divari retributivi di genere. Altri aspetti su cui resta strada da fare, in Italia, sono le politiche contro le molestie sui luoghi di lavoro, che non sono previste dal 43% delle societa' italiane a fronte di una media europea del 52%, e le politiche per la genitorialita', con il 90% delle aziende che, per Equileap, dovrebbe portare i congedi di paternita' retribuiti a un minimo di due settimane

© RIPRODUZIONE RISERVATA