Nel regno animale omosessualità e bisex, la conferma di una ricerca scientifica

Nel regno animale omosessualità e bisex, la conferma di una ricerca scientifica
1 Minuto di Lettura
Giovedì 28 Novembre 2019, 09:42 - Ultimo aggiornamento: 18:02

Volpi volanti, macachi, calamari giganti. Persino nel regno animale è ormai assodato che il comportamento sessuale di alcune specie presenta delle variazioni omosessuali. Si tratta di anomalie registrate in 1500 specie che, secondo gli etologi americani, costituiscono un tassello di normalità per le norme evolutive. Finora i comportamenti omosessuali o bisessuali registrati nelle bestie venivano catalogati come dei paradossi ma non come passaggi importanti all'interno della catena dell'evoluzione della specie. Una ricerca appena pubblicata in Nature Ecology and Evolution - una delle riviste scientifiche più accreditate sulla ecologia - ha per la prima volta messo in evidenza che la norma evolutiva della riproduzione animale possa contemplare anche la variazione omosessuale o bisessuale per rafforzare la trasmissione genetica alle generazioni future. Naturalmente lo studio portato avanti da un pool di ricercatori guidati da Julia Monk, della università di Yale, ha aperto il dibattito all'interno della comunità scientifica. 

I pinguini "gay" Skipper e Ping si preparano a diventare genitori dopo aver adottato un uovo abbandonato allo zoo di Berlino

© RIPRODUZIONE RISERVATA