Il discorso virale di Ocasio-Cortez dopo le offese: «Negli Usa la violenza alle donne è impunita»

Venerdì 24 Luglio 2020
Il discorso virale di Ocasio-Cortez dopo le offese: «Negli Usa la violenza alle donne è impunita»

«Fucking bitch», f...stronza. La deputata Alexandria Ocasio-Cortez, 30 anni, è stata offesa sui gradini di Capitol Hill davanti ad alcuni giornalisti dal collega repubblicano della Florida Ted Yoho. E dopo aver rifiutato le scuse, non dirette, la più giovane deputata mai eletta al Congresso ha tenuto alla Camera un discorso divenuto virale.
 

Il discorso

«Mi ha chiamata disgustosa, matta fuori di testa, f...stronza», attacca Ocasio-Cortez. La sua “colpa” è quella di aver attribuito l’escalation dei crimini a New York a povertà e disoccupazione.  Agli insulti la deputata aveva risposto in un primo momento con un twitter e una story su Instagram, in tono leggero, con un brano hip hop intitolato Bitch Boss. Vedendo poi che Yoho non si scusava, ha fatto un discorso condiviso 16 milioni di volte. «Questa donna del Congresso - ha datto Ocasio-Cortez- non rappresenta solo il XIV distretto di New York ma ogni uomo o donna di questo paese. Non è una cosa nuova, in questo paese succede ogni giorno e il problema è culturale. Una cultura di totale impunità, di accettare la violenza e di ammettere l'uso di un linguaggio violento contro le donne. Voglio ringraziare Yoho per aver mostrato al mondo che si può essere uomini di prestigio e aggredire le donne. Avere figlie e aggredire le donne, senza rimorso. Avere una moglie e aggredire le donne. Farsi delle foto e proiettare l’immagine di uomo di famiglia, e aggredire le donne, senza rimorso, e con un senso di impunità. Succede ogni giorno in questo Paese».

Succede per strada e nelle metro di New York, ha ricordato la deputata. «Sono qui perché devo dimostrare ai miei genitori che sono figlia loro, e che non mi hanno educata ad accettare abusi dagli uomini». 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 25 Luglio, 07:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA