Alessia, campionessa senza cittadinanza: «Offese sui social, ma io vado avanti»

Sabato 19 Ottobre 2019 di Rosalba Emiliozzi
Alessia Korotkova Alessia, campionessa senza cittadinanza italiana «Offese sui social, ma io vado avanti»

La cittadinanza può attendere. I traguardi sportivi no. Per questo la campionessa "straniera" Olesya Korotkova, per tutti Alessia, che parla con marcato accento emiliano, il primo novembre riprenderà ad allenarsi. Non sia mai che qualcuno dal cielo le possa dare una mano a sbloccare la pratica per avere la cittadinanza italiana per meriti sportivi. Nella specialità taekwondo, Alessia è un mito, ha vinto due campionati italiani e tre in Coppe Italia, e finché era minorenne nessuno l'ha fermata. Oggi che ha 21 anni, compiuti ad agosto, non ha una patria per gareggiare. Non può rappresentare l'Italia in Nazionale perché non è cittadina italiana e non la vuole neanche la Russia - è nata in Siberia - perché non è residente. 

Dall'età di tre anni vive a Reggio Emilia con la mamma traduttrice e il papà che però da sei anni lavora in Kazakistan come capo cantiere nel settore edile. E' molto italiana, Alessia, nello stile, nel parlare, nel pensare. Sorride, scherza, da buona emiliana butta dietro le spalle la negatavità: il buio della burocrazia, le offese degli odiatori. Perché le è capitato anche di essere insultata solo perché sta portando avanti la battaglia per avere la cittadinanza italiana. Quando posta sui suoi profili social gli articoli o le trasmissioni tv che la riguardano c'è sempre qualcuno dal pensiero corto che commenta: "torna casa tua, la cittadinanza ce l'hai già, ma che vuoi". «Per me sono dei defic....» gli scappa ad Alessia che perà ha l'affetto della sua città e l'appoggio del sindaco Luca Vecchi. 

Yassine Rachik, il campione azzurro del fondo sostiene la legge sullo “ius soli”: «Una battaglia di civiltà»

Invece le ha dato molto fastidio l'atteggiamento della Prefettura di Reggio Emilia dove l'altro ieri lei e il suo allenatore Daniele Frascari sono andati a chiedere informazioni precise sullo stato della domanda di cittadinanza. «E' più di un anno che è ferma a Reggio, ma ho avviato le pratiche nel 2015 - dice - con il mio allenatore siamo andati a chiedere conto, la Fita vorrebbe scrivere, ma volevamo capire cosa servisse, a chi dovevamo rivolgerci, quale era la e-mail con la quale comunicare, ci hanno risposto in malo modo, che non erano tenuti a dare informazioni, che non si poteva fare nulla. Il mio allenatore si è alterato e per tutta risposta gli hanno detto: "ma lei non capisce l'italiano?". Abbiamo anche scoperto che non serviva presentare il certificato dei carichi pendenti, ho perso sei mesi per richiedere in Russia un documento che certifica che ho la fedina penale pulita, quando era ovvio, sono andata via a tre anni». 

Alessia, promessa del taekwondo, cerca di realizzare il suo sogno: partecipare alle gare europee, poi ai Mondiali e, se si qualificherà, alle Olimpiadi. Ma tutto dipende da un pezzo di carta che dica: sei italiana. 

Ultimo aggiornamento: 17:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA