CORONAVIRUS

Coronavirus, Ascierto: «Cauto ottimismo sul farmaco anti artrite Tocilizumab, a fine aprile i dati della sperimentazione»

Sabato 4 Aprile 2020
Coronavirus, Ascierto: «Cauto ottimismo sul farmaco anti artrite Tocilizumab, a fine aprile i dati della sperimentazione»

Coronavirus, tra fine aprile e maggio saranno pronti i risultati della sperimentazione del farmaco anti artrite tocilizumab. Lo dice l'oncologo Paolo Ascierto, presidente della Fondazione melanoma e direttore dell'Unità di oncologia melanoma, immunoterapia oncologica e terapie innovative dell'Istituto tumori Irccs Fondazione Pascale di Napoli, sostenendo che al momento c'è un cauto ottimismo sulla sperimentazione del farmaco anti artrite.

Coronavirus, «farmaco Ivermectin lo uccide in 48 ore»: la scoperta nei laboratori australiani

Coronavirus, Pregliasco: «Vaccino in sperimentazione già sugli animali, pronto non prima di 12 mesi»

«Resta un cauto ottimismo per quanto riguarda la sperimentazione» del farmaco anti-artrite «tocilizumab. È in corso e si compone di due momenti: uno è lo studio di fase II su 330 pazienti, attivato il 19 marzo con i pazienti arruolati in 24 ore. E i dati potrebbero essere pronti per fine aprile-inizi di maggio». Ad affermarlo all'Adnkronos Salute Paolo Ascierto, presidente Fondazione melanoma e direttore dell'Unità di oncologia melanoma, immunoterapia oncologica e terapie innovative dell'Istituto tumori Irccs Fondazione Pascale di Napoli, che sta utilizzando il farmaco anti-artrite reumatoide tocilizumab nel trattamento della polmonite interstiziale da Covid-19. «Per quanto riguarda lo studio prospettico, invece - aggiunge Ascierto - questo continua ad andare avanti e i criteri in questo caso sono meno restrittivi rispetto alla sperimentazione e rappresenteranno quella che si chiama esperienza di 'real world'. Al momento non ci sono dati, ma la sensazione resta quella dei pazienti trattati prima della sperimentazione dell'off label e la parola d'ordine rimane la stessa: cauto ottimismo», conclude.
 

 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani