Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pesaro, uova di lompo al posto del caviale: Michelacci assolta

Pesaro, uova di lompo al posto del caviale: Michelacci assolta
di Elisabetta Rossi
2 Minuti di Lettura
Giovedì 26 Maggio 2016, 16:18

PESARO - Uova di lompo al posto del caviale per la cena di Vigilia, assolta l’imprenditrice Paola Michelacci dall’accusa di tentata frode nell’esercizio del commercio. Il pm Danilo Rabini aveva chiesto 300 euro di multa, ma per il giudice Stefano Marinelli l’albergatrice è innocente.
La Michelacci non era in aula ieri al momento della lettura della sentenza. C’era il suo legale, un agguerrito avvocato 92enne di Torino, Aldo Perla, arrivato a discutere il caso delle uova di pesce dopo un’udienza a Cuneo per una rapina e un tentato omicidio a Siena. Il giudice deve aver accolto le tesi della difesa e cioè che la Michelacci aveva scritto “caviale” sul menù sulla base dell’ordine che aveva fatto e che era convinta di aver ricevuto, anche se il fornitore aveva inviato invece uova di lompo. E poi che quel menù con l’errore non è mai uscito dal computer, ma è stato stampato e sistemato sui tavoli solo con la correzione. Tutto è nato con un controllo di routine della Forestale il giorno della Vigilia di Natale. La divisa si presenta al Grand Hotel di Gabicce Mare e chiede di vedere il menù. Gli salta agli occhi quel risotto a base di scampi e caviale. Chiede di poter vedere le pregiate uova di storione. E subito si accorge che in realtà sono quelle meno vip (e anche meno costose) del lompo. La titolare dell’albergo ammette all’istante di aver fatto un errore in assoluta buona fede. Fa subito correggere il menù. Ma l’accusa va avanti d’ufficio. E la Michelacci finisce a processo per  tentata frode nell’esercizio del commercio. Alla scorsa udienza, oltre  all’agente della Forestale e ai dipendenti del Grand Hotel, era stato ascoltato anche il fornitore di caviale, che aveva detto che quando questo finisce, l’azienda invia in automatico le uova di lompo. Non si ricordava però se avesse inviato in automatico anche le variazioni di prezzo. Le impiegate avevano confermato che la Michelacci si era subito prodigata nel far riscrivere il menù corretto.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA