Dopo il terremoto riapre lo studentato dell'Università di Camerino: accoglierà 456 studenti

Lunedì 6 Agosto 2018 di Valentina Venturi
1
Università di Camerino, nuovo studentato (ufficio stampa Provincia Tn)

In tempi in cui l’appartenenza sembra l’unica moneta spendibile per qualsiasi Regione o forma di Governo, il Trentino Alto Adige inverte la tendenza. A Camerino, nelle Marche, è stato infatti inaugurato oggi il nuovo studentato universitario grazie al contributo finanziario della Provincia autonoma di Trento, di Bolzano e del Land austriaco del Tirolo. 
 

 

Lo studio e la cultura non hanno né confini né paternità.​ Dal primo ottobre 456 studenti potranno vivere nel quartiere di Montagnano in 20 nuovi edifici, disposti su 6 terrazzamenti, ognuno dei quali è diviso in 4 appartamenti di 100 mq; gli edifici sono a due piani per ottimizzare costi e spazio. Le unità avranno la certificazione “ARCA” e “CasaClima”: sono antisismiche e resistenti al fuoco. Non manca la stanza sbarrierata, per studenti diversamente abili. 

«Abbiamo deciso di rispondere affermativamente alla richiesta che ci era stata fatta - ha dichiarato il presidente della Provincia autonoma di Trento Ugo Rossi - perché per noi la speciale autonomia che caratterizza il Trentino significa, innanzitutto, responsabilità e disponibilità a mettersi al servizio di chi ha bisogno di un aiuto». Era il 26 ottobre del 2016 quando il sisma colpiva duramente la città, come anche parte del Centro Italia già segnato dalle scosse iniziate il 24 agosto precedente. Con l’hashtag #ilfuturononcrolla l’Università di Camerino aveva iniziato il percorso di recupero. 

Progettato a gennaio 2017 e consegnato il 6 agosto 2018, lo studentato è costato circa 9.400.000 euro: il Land Tirolo ha contribuito con oltre 333.000 euro, mentre le due province autonome ognuna con la somma di oltre quattro milioni e mezzo di euro. In futuro l’Università creerà anche la biblioteca e una sala lettura.

Ultimo aggiornamento: 9 Agosto, 14:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il senso del Papa al Messaggero

Colloquio di Virman Cusenza e Alvaro Moretti