Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Macerata, prof precaria tenta il suicidio
per una delusione d'amore: salvata da un sms

Macerata, prof precaria tenta il suicidio per una delusione d'amore: salvata da un sms
di Alessandra Bruno
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 23 Luglio 2014, 20:14 - Ultimo aggiornamento: 20:24
MACERATA - Insegnante precaria tenta il suicidio dopo una delusione d’amore: salvata in extremis. All’amica un sms con scritto: “La faccio finita”. E' accaduto nel primo pomeriggio di oggi, intorno alle 13.10.



Una donna maceratese di 48 anni, residente nel quartiere Santa Croce, ha provato a togliersi la vita nella camera della sua abitazione, ingerendo trenta pasticche di antidepressivi, mescolandone di tre tipi diversi. Prima di dare sfogo al suo malessere la donna ha inviato alcuni messaggi al telefono di un’amica, residente a Chiaravalle. Quest’ultima, intuendo le drammatiche intenzioni della donna, ha prontamente allertato i carabinieri di Ancona, che hanno girato la segnalazione ai colleghi della compagnia di Macerata.



I militari del Radiomobile si sono precipitati a casa dell’insegnante, riuscendo così a salvarle la vita. Questione di pochi attimi. La donna era debole e in stato di semicoscienza. La 48enne è stata trasportata immediatamente all’ospedale di Macerata, dove è stata sottoposta a lavanda gastrica. Per i carabinieri il gesto sarebbe legato ad una delusione amorosa.