Osimo, il Tar non blocca la chiusura
all'ospedale non si nasce più

Sabato 23 Gennaio 2016
Il Tar delle Marche ha respinto l'istanza con cui il Comune di Osimo chiedeva la sospensiva della deliberazione dell'Asur che dispone la chiusura del Punto nascita dell'ospedale cittadino, perchè non raggiunge i mille parti l'anno. All'istanza di sospensiva (analoga a quella proposta dai Comuni di Fabriano e San Severino Marche), si era opposta la Regione, rappresentata dall'avv. Paolo Costanzi.

La chiusura dei punti nascita sotto i mille parti è stabilita da un accordo della Conferenza Stato-Regioni, finora mai attuato. La Regione Marche vuole dar corso all'intesa «per una precisa scelta - aveva detto il presidente Luca Ceriscioli - che rispetta criteri di qualità e sicurezza nell'interesse della mamma e del bambino». «La nostra azione - aveva aggiunto - prevede di arrivare con gradualità ad avere punti nascita al di sopra dei mille parti, perchè questo garantisce gli standard di sicurezza e qualità».

Contro la chiusura dei reparti si battono le popolazioni locali dei tre Comuni e dei centri vicini, che hanno promosso una serie di manifestazioni di protesta, l'ultima sotto la sede del Consiglio regionale.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Iscrizione a scuola, la regola aurea per decidere senza discutere

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma