Jovanotti a RisorgiMarche: 70mila persone per il "ragazzo fortunato"

Domenica 12 Agosto 2018
La festa finale di RisorgiMarche 2018, non solo un concerto, non solo una jam tra musicisti, ma una giornata di appartenenza e di amicizia, un evento che ha conquistato oltre 70 mila persone giunte da tutta da tutta Italia, raccontata una settimana dopo dal punto di vista del grande protagonista, Jovanotti. È lo speciale 'RisorgiMarche-Jovanottì, realizzato da Michele Lugaresi e voluto dallo stesso artista, disponibile da oggi sulla JovaTv (www.jova.tv)

«Qualcuno dice 70 mila, per me molto di più... eravamo UNO!» ha commentato Lorenzo a margine del pomeriggio. Per l'occasione Jovanotti ha realizzato un set speciale con Riccardo Onori (chitarra), Leo Di Angilla (Percussioni), Gianluca Petrella (fiati e piano) e l'amico marchigiano, compagno di avventure da oltre 28 anni, Saturnino. «Qualche mese fa, attraverso Saturnino, mi è arrivato l'invito a partecipare a questa bella manifestazione», ha spiegato Lorenzo. «L'avevo seguita sui social già dalla prima edizione e l'ho trovata spontanea, vera. Prima di dare l'ok ho aspettato di capire se sarei stato in piedi a fine tour, in grado di suonare. Poi ho pensato che ce l'avremmo fatta e ho convocato una formazione super essenziale dei miei musicisti ed eccoci qui! È stato un concerto indimenticabile in un'atmosfera vera, intensa, emozionante è molto divertente». Il 5 agosto alle 16:30, sui prati di Matelica, nei pressi dell'Abbazia di Roti, c'è stato l'appuntamento più atteso: 70 mila tra giovani, anziani e famiglie intere, dopo una camminata di 8 km sotto il sole cocente, hanno festeggiato con Lorenzo la chiusura della manifestazione ideata lo scorso anno da Neri Marcorè.

«Il concerto di Lorenzo è stato l'emblema di RisorgiMarche in termini di partecipazione del pubblico, di amore e sostegno per le comunità e le attività della mia terra colpita dal sisma, di riscoperta e frequentazione di un territorio bellissimo e accogliente, di grande civiltà e rispetto tra persone e dell'ambiente naturale. Al tempo stesso è stato acme di gratificazione e soddisfazione per me - ha sottolineato Marcorè - e per le persone che hanno lavorato da parecchi mesi per la riuscita del festival, dalla direzione esecutiva, allo staff organizzativo, all'ufficio stampa. Tutto è stato perfetto ed encomiabile, e non era affatto scontato né facile. Sono grato a ognuno di loro, oltre ovviamente a Lorenzo e ai suoi musicisti che hanno dato vita a uno spettacolo unico che resterà indimenticabile nei cuori di chi l'ha vissuto di persona». Lo speciale a cura di Michele Lugaresi, storico collaboratore di Lorenzo, è stato interamente girato dagli operatori di RisorgiMarche, che hanno messo a disposizione la loro esperienza e il loro talento per la propria terra. Con lo stesso spirito hanno partecipato tutti i collaboratori di Jovanotti. (ANSA).
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti