Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gabicce, arrivano i carabinieri di rinforzo
Ma il Comune deve pagar loro l'albergo

La caserma dei carabinieri di Gabicce
di Luca Fabbri
2 Minuti di Lettura
Venerdì 8 Agosto 2014, 10:53
GABICCE (Pesaro e Urbino) - Ministero della Difesa senza soldi. A Gabicce l’alloggio dei carabinieri estivi di rinforzo a carico del Comune. L’amministrazione comunale spender circa 4 mila euro per ospitare i 4 militari dell’Arma che il Ministero ha inviato a Gabicce per presidiare maggiormente il territorio nel periodo estivo.



L’attuale caserma infatti è troppo piccola e non può ospitare le unità di rinforzo. Così il Comune ha dovuto pagare di tasca propria i pernottamenti dei carabinieri: 31 euro a testa a notte in un bed&breakfast. «Purtroppo, anche se può sembrare assurdo, la realtà è questa - commenta il sindaco, Domenico Pascuzzi - Anche l’anno scorso, a causa delle dimensioni della locale caserma, prenotammo un albergo per i rinforzi estivi, ma a pagare fu il Ministero. Quest’anno invece tocca a noi pagare l’alloggio, con colazione inclusa, se vogliamo avere 4 carabinieri in più». La locale stazione di Gabicce serve il territorio di Gradara ed anche Colombarone. Ecco perché il primo cittadino è intenzionato a chiedere un contributo anche alle amministrazioni confinanti. «Si tratta di piccole cifre ma non penso sia giusto che i Comuni si facciano carico di tali spese - continua Pascuzzi - Premesso ciò spero che Pesaro e Gradara siano disponibili a fare la propria parte dato i carabinieri svolgono servizio anche su quei territori. Senza contare che siamo al lavoro da mesi per trovare una struttura, alternativa all’attuale, adatta a ospitare la nuova caserma. Anche qui con grossissime difficoltà dato che il canone annuale versato dal Ministero scenderà da 29 mila a 22 mila euro: non è facile trovare un immobile di 400 metri quadri a quelle cifre irrisorie».

© RIPRODUZIONE RISERVATA