Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fatta esplodere al largo la bomba tedesca ritrovata a Gabicce

Fatta esplodere al largo la bomba tedesca ritrovata a Gabicce
1 Minuto di Lettura
Giovedì 2 Aprile 2015, 17:41 - Ultimo aggiornamento: 17:57
GABICCE (Pesaro e Urbino) - è stato fatto brillare in mattinata l’ordigno bellico ritrovato a pochi metri dalla battigia a Gabicce Mare il 24 marzo scorso.



L’ordigno, un proiettile di artiglieria in dotazione alle truppe tedesche durante la seconda guerra mondiale, aveva le seguenti dimensioni: lunghezza 25 centimetri – diametro 9 centimetri ed era adagiato su un fondale di circa 3 metri a ridosso delle scogliere frangiflutti. Era stato segnalato alla Capitaneria di Porto pesarese da parte di un operatore subacqueo impegnato nei lavori di rifiorimento delle medesime scogliere. Attivati dalla Prefettura, sono pertanto intervenuti i Palombari della Marina Militare Italiana con il supporto delle motovedette della Guardia Costiera locale i quali, una volta identificato l’ordigno, lo hanno trasportato al largo per farlo poi brillare in sicurezza su un fondale maggiore, mediante applicazione di una piccola carica esplosiva. «L’operazione di bonifica – ha sottolineato il Comandante del Porto di Pesaro Angelo Capuzzimato - ha avuto esito positivo e si è conclusa nella mattinata stessa, con il rientro in porto di tutti gli uomini e mezzi della Marina Militare intervenuti».
© RIPRODUZIONE RISERVATA