Ancona, botte da orbi tra rivali in amore: per dividerli soccorritore ricorre alle arti marziali

di Federica Serfilippi
Botte da orbi tra rivali in amore. Per dividerli, ad Ancona, un soccorritore del 118 deve ricorrere alle arti marziali. La vicenda di gelosia finisce ora in tribunale. L'imputato, secondo l'accusa, avrebbe aspettato l’ex compagna e il suo nuovo fidanzato sotto casa della coppia. Quando il duo arriva, prima nasce una discussione, poi una violenta colluttazione tra i due uomini. Botte da orbi interrotte solamente dal passaggio sulla via del tutto casuale di un volontario del 118, esperto di arti marziali.

Vedendo i due contendenti darsele di santa ragione, non ha esitato ad intervenire e bloccare la lite, facendo perno sulle tecniche della disciplina sportiva. È successo tutto nel primo pomeriggio del 7 settembre 2015. Sul banco degli imputati ci è finito il 47enne con l’accusa di lesioni personali. Ieri, si è aperto il procedimento davanti al giudice monocratico Paolo Giombetti. A testimoniare, non solo i carabinieri che intervennero e il soccorritore, ma anche la donna contesa. All’origine dell’aggressione ci sarebbe stata la folle gelosia del 47enne provata nei confronti della ex. Ultimo aggiornamento: 16 Marzo, 08:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi