Ancona, Massignano e Poggio
«Vogliano andare con Sirolo»

Ancona, Massignano e Poggio «Vogliano andare con Sirolo»
di Micol Sara Misiti
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 18 Marzo 2015, 16:02 - Ultimo aggiornamento: 17:35

ANCONA - Massignano e il Poggio pronti alla secessione da Ancona per passare con Sirolo. Il 13 marzo i referenti delle due frazioni, Fabio Buzzo e Teodoro Buontempo, hanno infatti depositato a Sirolo l'istanza di "annessione", con allegate la planimetria dei nuovi confini e le petizioni sottoscritte da oltre il 65% dei residenti di Massignano e da oltre il 60% di quelli del Poggio. Il sindaco Moreno Misiti ha assicurato ai cittadini il massimo impegno, ma prima di sottoporre al Consiglio la questione ha chiesto un incontro al sindaco di Ancona Valeria Mancinelli per verificare la posizione del Comune.

Ma perché lasciare il capoluogo? La richiesta delle due frazioni (Portonovo esclusa) nasce dalla "sensazione di abbandono" e dalle "promesse disattese" negli anni. "I servizi diminuiscono, le manutenzioni sempre più rarefatte, la mancanza di servizi igienici per i turisti che visitano il Conero - affermano i residenti - sembra poi che il medico che ha in carico questa fetta di territorio abbia deciso di abbandonare la frazione perché, pur pagando l’affitto al Comune, i locali non vengono ristrutturati da tempo". L'adesione di Massignano è necessaria per il Poggio dal momento che quest’ultimo non confina con il territorio sirolese: requisito necessario per poter procedere con il passaggio. "La decisione è presa - scrivono i firmatari delle petizioni - non è più possibile trascurare le molteplici ragioni che ci fanno sentire più affini a Sirolo. Sono diverse le affinità socio-culturali, geografiche ed economiche, infatti sia per numero di residenti che per estensione territoriale, i due nuclei territoriali appaiono maggiormente paragonabili ad un paese di più modeste dimensioni".