Serial Lover. Amante Seriale: un noir esistenziale

La copertina di Serial Lover. Amante Seriale: l'ultimo romanzo di Nuccio Castellino
di Francesco Musolino
3 Minuti di Lettura
Martedì 27 Luglio 2021, 17:03 - Ultimo aggiornamento: 17:13

Un noir esistenziale orchestrato sul gioco psicologico della seduzione. Serial Lover. Amante Seriale (Prospettivaeditrice pp.204 €12) è il nuovo romanzo di Nuccio Castellino (1961), originario di Palma di Montechiaro, a due passi dal mare vicino Agrigento, che dopo avere composto oltre cento canzoni e realizzato due raccolte di poesie, allo scoccare esatto dei suoi cinquant’anni, ha intrapreso la via della prosa.

Castellino racconta le gesta di Lorenzo De Simone, un professore universitario di letteratura francese, un uomo colto che veste sempre con stile ricercato – sfoggiando papillon e abiti sartoriali - un maschio alpha, provvisto di un ego ipertrofico che sfocia in un evidente narcisismo.

La narrazione principia con un interrogatorio dai toni bruschi condotto dal commissario Felice e dall’ispettore Canteli. Perché le forze dell’ordine prendono di mira il professore, è tutto frutto di un malinteso (“Lei di certo è abituato a trattare con i serial killer ma io al massimo sono un serial lover”) o c’è davvero un lato morboso dietro la figura elegante dello studioso?

È meglio aver amato e perso o non essersi mai incontrati? Eccolo il dilemma che corre lungo le pagine di Castellino, narrando le gesta amorose di Lorenzo che seduce senza sosta donne sole e infelici, illudendole, corteggiandole, possedendole anche brutalmente per poi lasciarle in malo modo, dopo averle annichilite, fra promesse e baci. Ma non si tratta solo di seduzione, Lorenzo ha il preciso obiettivo di distruggere la felicità altrui, scavando un solco di misoginia con tutte le donne della sua vita. Eccetto due. Emma, il suo angelo custode, una sorta di matrona che ne cura le ferite con modi affettuosamente bruschi, l’altra è Greta, il suo più grande rimpianto, colei che – scopriremo leggendo – gli ha rapito il cuore e il calore umano, cambiandogli la vita.

Castellino lega al tema psicologico quello criminale, difatti il meccanismo si innesca con la scomparsa di una delle sue amanti e mentre un killer spietato si muove nell’ombra, tutti gli indizi sembrano condannare il professore, incastrandolo senza via di fuga. Sarà davvero lui il colpevole o si tratta di un crudele gioco kafkiano?

Serial lover. Amante seriale – che ha ottenuto la Menzione d’onore alla II edizione del Concorso Internazionale Poesia e Narrativa Lord Byron Porto Venere Golfo dei Poeti, 2019, e la Menzione di merito al V Premio Internazionale Salvatore Quasimodo, 2020 – ha uno stile fresco, sempre colloquiale nella ricerca di un ritmo condotto dai dialoghi. Talvolta l’autore si lascia prendere la mano, esonda, concedendosi un gergo sopra le righe. Ma sono peccati lievi dal quale l’autore saprà trarre giovamento per le sue prove future.

© RIPRODUZIONE RISERVATA