A 4 anni dalla morte esce il libro di Massimo Cecchini su Mohammad Ali, «il guerriero che sapeva volare»

Martedì 23 Giugno 2020
A 4 anni dalla morte esce il libro di Massimo Cecchini su Mohammad Ali, «il guerriero che sapeva volare»
«Volo come una farfalla, pungo come un’ape… D’altronde, sono così veloce da poter spegnere la luce e mettermi a letto prima che la stanza diventi buia. Potete dirlo forte: Muhammad Ali è il più grande pugile di tutti i tempi». Questo diceva di sé il campione. A quattro anni dalla sua morte esce in libreria il libro dedicato a Muhammad Ali​ di Massimo Cecchini (Diarkos edizioni).




«Se la vita di ognuno di noi finisce per essere un combattimento contro il mondo e i fantasmi che ci portiamo dietro, quella di Cassius Clay – l’uomo che volle diventare Muhammad Ali – può essere raccontata in otto riprese, tante quanti i round che gli furono necessari per battere George Foreman nel match più importante della sua carriera, e forse della storia della boxe. Dalla Louisville dei primi passi a quella delle esequie planetarie, il suo finisce per essere il racconto vincente e doloroso della storia recente degli Stati Uniti e di un percorso culturale che riguarda, in fondo, anche tutti noi. Ma talento e convinzioni non bastano per spiegare la genesi di un campione grande e imperfetto, diventato simbolo di lotte civili e totem di diverse generazioni. Dietro c’è anche altro, probabilmente quello che, nel giorno del funerale, Belinda, una delle sue ex mogli, ha sintetizzato così: «Aveva un disperato bisogno di essere amato». Quanto basta perché milioni di persone, da quel giorno, abbiano potuto dire: anche io sono Muhammad Ali». © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani