"Corri, dall'inferno a Central Park", il maratoneta Gianni Poli ospite a sorpresa a Frascati

Lunedì 14 Settembre 2020
Frascati, il maratoneta Gianni Poli ospite a sorpresa per la presentazione del libro

Uno ha vinto la maratona di New York nel 1986, l’altro l’ha sognata e corsa per vincere la depressione raccontando la sua avventura in un romanzo “Corri. Dall’inferno a Central Park”. Gianni Poli e Roberto Di Sante sabato mattina correvano insieme a Villa Torlonia a Frascati, la pista d’allenamento prediletta da tutti i runner frascatani. Gianni Poli, uno dei tre italiani che è riuscito da professionista a vincere la maratona di New York, venerdì sera era arrivato a sorpresa nella cittadina della provincia romana per assistere allo spettacolo teatrale “Corri” tratto dal best seller di Roberto di Sante, scritto e diretto da Ferdinando Ceriani, interpretato magistralmente da Sebastiano Gavasso con la violoncellista Giovanna Famulari.

Frascati, in scena a Villa Torlonia "Corri: dall’Inferno a Central Park": il libro di Roberto Di Sante

Seduto tra il pubblico nella suggestiva cornice di Villa Torlonia c’era proprio l’ex maratoneta citato nel libro e nello spettacolo. Un viaggio da Dobbiaco a Frascati per assistere alla pièce teatrale e abbracciare Roberto Di Sante, ormai diventato un amico proprio grazie a quel romanzo che ha conquistato i cuori degli appassionati della corsa e che continua ad aiutare tanta gente a ricominciare a sognare anche nei momenti bui della vita. “Lo spettacolo meritava il viaggio – ha detto Gianni Poli sul palco di Villa Torlonia, che poco prima aveva visto Sebastiano Gavasso correre in scena in un monologo intenso, vibrante che trascina lo spettatore in momenti di profonda emozione e punte di pura comicità che danzano nel cuore di chi guarda grazie alle note e ai suoni del violoncello di Giovanna Famulari. 

Rugby e minirugby ripartono nel Lazio: gli appuntamenti di tutte le società di Roma e Regione

“Sono partito da lontano – ha detto ancora Gianni Poli - per arrivare a Frascati nella villa dove è iniziata la storia di Roberto. Una storia che al di là del discorso agonistico è un racconto di vita importante, che attraverso quello che ha scritto e lo spettacolo sta aiutando moltissima gente a venire fuori. Roberto manda un messaggio importante dicendo che se ce l’ha fatta lui, ce la possono fare anche gli altri”.  Poi, però, dopo i complimenti ha scherzato con l’attore Sebastiano Gavasso che in scena non ricorda il numero di pettorale di Poli alla maratona di New York del 1986 proponendo di cambiare il testo dello spettacolo. “Hai citato il pettorale di tutti – ha detto ridendo - ma non il mio, il più semplice: il numero 10”. Insomma, venerdì sera c'è stata una pioggia di stelle a Frascati.

Acea Maratona di San Valentino record di presenze, giornata da incorniciare Fotogallery Angelo Papa
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA