volley B1 femminile, la partita sospesa tra Aprilia e Marsala si recupera il 1° dicembre

Giovedì 24 Novembre 2016 di Giuseppe Baratta
Nello scorso campionato la Giò Volley Aprilia ha sfiorato i play-off promozione in serie A2
LATINA - La partita del campionato nazionale di pallavolo femminile di serie B1 tra la Giò Volley Aprilia e la Sigel Marsala verrà rigiocata (sempre ad Aprilia) giovedì prossimo 1 dicembre alle 19.30 nel pallone di via Pergolesi. La partita è valida per la quarta giornata del girone d'andata e il 6 novembre scorso era stata sospesa per impraticabilità del campo di gioco: la gara era iniziata regolarmente, poi per il campo da gioco era risultato scivoloso (il maltempo e la condensa non avevano aiutato) tanto da costringere gli arbitri a sospenderla (sul 7-5 per le ospiti). La società Giò Volley ha dirottato tutti sul campo di riserva, il Liceo Meucci, come previsto dal regolamento e la gara (tra le comprensibili problematiche logistiche, anche per il pubblico) è ripresa regolarmente fino all'ennesima beffa perché il match è stato nuovamente interrotto per ben due volte a causa di un blackout dell'impianto elettrico.

Il problema degli impianti sportivi in provincia di Latina è di notevole attualità, visto che spesso e volentieri le società sportive che investono risorse e passione, crescono e raggiungono livelli di eccellenza nazionale senza avere la possibilità di poter utilizzare strutture adeguate. 

IMPIANTI SPORTIVI CHE CAOS IN PROVINCIA - Il pallone di via Pergolesi ad Aprilia è una struttura limitante (specie per la capienza) per la Giò Volley Aprilia che, in pochi anni, è cresciuta talmente tanto da sfiorare nella passata stagione i play-off promozione in serie A2, poi a Terracina, per l'indisponibilità del PalaCarucci (che ora sembra essere quasi pronto), alla vigilia di questa stagione il Volley Terracina ha rinunciato alla serie B1 femminile per ripartire dalla serie C (potendo giocare questo campionato nella palestra di una scuola), mentre nello scorso campionato l'Omia Cisterna di serie A2 è stata costretta a emigrare per qualche mese ad Anagni, in provincia di Frosinone, per l'inadeguatezza della palestra dell'istituto Ramadù (con il palasport di Cisterna ancora da completare), senza dimenticare che la Top Volley Latina che partecipa alla serie A1 maschile, ha dovuto giocare negli ultimi anni ben due semifinali scudetto (con Modena e Trento) nel palasport di Frosinone vista la capienza limitata del PalaBianchini. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi