Vela, Europa Cup Ilca 6: a Napoli le Fiamme Gialle Gaeta dominano la scena con Carolina Albano e Matilda Talluri

Le gialloverdi Carolina Albano e Matilda Talluri con il dt delle Fiamme Gialle Pierluigi Fornelli
di Andrea Gionti
3 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Ottobre 2021, 16:00

Le Fiamme Gialle della sezione velica di Gaeta dominano la scena a Napoli nella nona tappa dell’Europa Cup delle classi ILCA 4, 6 e 7. La manifestazione, che si è disputata nelle acque antistanti l’isola di Nisida, presso la storica base della Marina Militare, ha visto sfidarsi circa 300 atleti provenienti da 7 nazioni, che si sono confrontati in giornate di prove molto intense, caratterizzate da instabili condizioni meteo-marine e perturbazioni che hanno reso impegnativo il campo di regata posto tra Nisida e Pozzuoli consentendo di disputare solo 4 delle 8 prove in programma.

Il team gialloverde guidato dai tecnici Ernesto Angeletti e Pierluigi Fornelli ha partecipato nella classe olimpica ILCA 6, con le giovani atlete Carolina Albano (neo campionessa italiana) e Matilda Talluri. Con una partenza sprint fin dalla prima giornata, le  veliste hanno dimostrato di essere a proprio agio portando a casa due ottimi risultati che lasciano ben sperare per i prossimi impegni della classe: il Campionato del Mondo in programma nel mese di dicembre in Oman.

Podio femminile tutto italiano: sul gradino più alto l'under21 gardesana Chiara Benini Floriani Chiara (Fraglia Vela Riva), al comando sin dalla prima giornata, che ha messo a segno ben tre vittorie e un terzo posto nell’ultima giornata; seconda e terza posizione per Carolina Albano (vincitrice di due prove) e Matilda Talluri, che si è aggiudicata l’unica prova disputata oggi con raffiche di vento forte fino a 30 nodi.

«E' stata una regata ventosa e divertente, molte ore di cinghia nelle gambe che saranno sicuramente utili in vista della preparazione per la kermesse iridata. Regatare è stato utile anche per testare l’efficacia delle scelte tattiche e strategiche che durante gli allenamenti non si ha modo di provare», commenta Carolina Albano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA