Un cittadino di Sermoneta secondo al premio "Salva la tua lingua locale"

Venerdì 20 Gennaio 2017
Secondo posto a un cittadino di Sermoneta al  Premio Nazionale “Salva la tua lingua locale” che sarà consegnato a Roma il  9 febbraio alla sala della Protomoteca del Campidoglio. Questa edizione sarà dedicata alla memoria del professor Tullio De Mauro, recentemente scomparso, presidente onorario della giuria.

Tra i vincitori, nella sezione “Prosa edita”, figura al secondo posto Dante Ceccarini,  presidente onorario dell'Archeoclub di Sermoneta e autore del fortunato volume “Proverbi, detti, modi di dire, filastrocche … insulti in dialetto sermonetano”.

Si tratta del terzo libro di Ceccarini deditato al dialetto, dopo il Primo dizionario sermonetano-italiano del 2010 e il Secondo dizionario sermonetano-italiano e italiano-sermonetano del 2015 . L'autore ha svolto un lavoro meticoloso e ingente di raccolta di 1200 proverbi, detti e modi di dire, 12 proverbi “a confronto”, 100 filastrocche e ninne nanne, 260 maledizioni, imprecazioni ed insulti in dialetto sermonetano. Un progetto di cui fa parte anche “Sermonet'Amo... in poesia”, il concorso di poesie in dialetto sermonetano dedicato agli studenti delle scuole di Sermoneta.

Il suo lavoro ha avuto il prestigioso riconoscimento dalla giuria  composta da Pietro Gibellini (Presidente), Ugo Vignuzzi, Franco Loi, Vincenzo Luciani, Luigi Manzi, Cosma Siani, Toni Cosenza. 

«Congratulazioni a Dante per questo ennesimo riconoscimento ad un lavoro attento di ricerca e di riscoperta della tradizione orale della nostra comunità», dicono il sindaco Claudio Damiano e l'assessore alla cultura Giuseppina Giovannoli. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma