Tre morti a Formia per una disputa sull'eredità, il profilo delle vittime

Giovedì 9 Gennaio 2020
Sgomento a Formia per le tre vittime a causa del  duplice omicidio e il successivo suicidio scoperti nel pomeriggio. Non solo per la eco della vicenda, ma anche per la notorietà delle persone coinvolte.

Fausta Forcina, 67 anni, e il marito Giuseppe Gionta, di 70, hanno trascorso una vita nel mondo della scuola. La donna insegnava ancora  presso l’istituto comprensivo “Dante Alighieri”,  mentre l'uomo è stato a lungo docente di matematica e vice preside della stessa scuola di via Divisione Julia. 

Pasquale Forcina, di 64 anni,  l'uomo che ha aperto il fuoco  era stato impiegato fino a qualche anno fa presso lo studio commercialista “Recco” di Formia, viveva da solo al secondo piano del civico 39 di piazza Mattej - un palazzo di famiglia - non sembra avesse molta vita sociale ma trascorreva molto del suo tempo libero presso l’Archivio storico del comune di Formia, all’interno della torre di Mola, dove aiutava tanti studenti universitari a scrivere le rispettive tesi di laurea.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma