Tornano a splendere i giardini di piazza del Popolo a Latina

Venerdì 28 Febbraio 2020 di Vittorio Buongiorno

I giardini di piazza del Popolo a Latina hanno avuto periodi alterni. Disegnati da Pierluigi Bossi, l'artista futurista che negli anni Trenta era capo dell'Ufficio tecnico del Comune di Latina, furono piantumati pochi anni dopo l'inaugurazione della città e sono stati più volte rimaneggiati con interventi fai da te, tanto che all'inizio degli anni Novanta l'impianto originario era stato completamente stravolto e svettavano accanto alla fontana con la palla perfino due abeti di Natale piantati da chissà, dall'aspetto spelacchiato ma cresciuti fino a raggiungere l'altezza dei lampioni.

Un primo intervento filologico fu deciso e realizzato dall'allora sindaco Ajmone Finestra, ma adesso, 25 anni dopo, l'attuale amministrazione guidata da Damiano Coletta ha deciso di intervenire nuovamente per ridare vita al giardino di Fondazione. Grazie al progetto donato dall'architetto Armandina Antonbenedetto, già responsabile della Soprintendenza, il Servizio Decoro del Comune ha appaltato il lavori che sono durati alcuni mesi e che hanno dovuto superare alcuni tra i mesi più piovosi della storia cittadina.

Oggi il sindaco di Latina Damiano Coletta insieme al prefetto Maria Rosa Trio hanno potuto finalmente inaugurarli. Sono state ripristinate le siepi originarie di mirto e sono state protette da una paratia "invisibile", ripristinato anche il manto erboso (con l'utilizzo di una varietà d'erba che ha bisogno di poca acqua e poca manutenzione) e installato un nuovo impianto di irrigazione - "sotterraneo" sotto il manto erboso e a goccia alla base delle siepi - che consentirà di ridurre al minimo l'uso di acqua. All'inaugurazione c'era anche la figlia di Pierluigi Bossi, in arte Sibò: «E' un sogno - ha commentato - peccato che papà non sia qui a vederli». 

 

«Questa piazza è un luogo speciale eppure per troppi anni è stata data per scontata. Abbiamo creduto fosse doveroso - ha commentato il sindaco Damiano Coletta - riqualificare uno dei punti simbolici di latina, riportando il prato, le siepi e le piante allo splendore degli Anni Trenta».

Ultimo aggiornamento: 13:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi