Terme di Fogliano, la Finanza sequestra le convenzioni con la società Condotte

Sabato 12 Gennaio 2019
I militari della Guardia di Finanza hanno acquisito ieri in Comune copia delle convenzioni stipulate con la società Condotte oltre 20 anni fa. Si è scoperto così che c’è una nuova inchiesta della Procura di Latina sulla società Terme di Fogliano fallita alla fine del 2017. L’inchiesta è nata dopo l’esposto presentato dagli attivisti del Movimento 5 Stelle presentato nel maggio scorso in cui si chiedeva di accertare le responsabilità degli amministratori che hanno portato al fallimento.

Ieri i militari del Nucleo di polizia tributaria della Finanza hanno varcato il portone degli uffici del settore Bilancio-Società partecipate del Comune di Latina in via Duca del mare e hanno esibito un decreto di acquisizione atti firmato dal sostituto procuratore Giancristofaro. Sono due le carte richieste e tra l’altro non è stato semplice recuperarle. Si tratta infatti delle convenzioni stipulate dal Comune con la società Condotte nel 1990 e nel 1996.
L’inchiesta è stata aperta dalla Procura dopo l’esposto presentato nel maggio scorso dagli attivisti del Movimento 5 Stelle che avevano gridato allo scandalo dopo il fallimento della spa «costato caro ai cittadini che nei due pozzi termali hanno visto svanire denaro pubblico, sogni e aspettative di sviluppo di un’area pregiata che, ora, invece, rischia di essere acquistata all’asta con pochi spiccioli da qualche potenziale speculatore edilizio». Ultimo aggiornamento: 11:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Fermiamo i furti di cani». L’appello social dei padroni

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma