Dagli Internazionali d'Italia al Roland Garros, la nuova sfida di Giulio Zeppieri

Dagli Internazionali d'Italia al Roland Garros, la nuova sfida di Giulio Zeppieri
di Andrea Gionti
2 Minuti di Lettura
Lunedì 16 Maggio 2022, 11:19 - Ultimo aggiornamento: 11:21

Dagli Internazionali d'Italia al Roland Garros. Da Roma a Parigi nel breve giro di una settimana. Continua ad occhi aperti il sogno internazionale del tennista di Latina Giulio Zeppieri, che dopo l'emozionante avventura vissuta sui courts del Foro Italico è atteso dalle qualificazioni per tentare l'accesso al tabellone principale del prestigioso torneo transalpino.

Oggi alle 14,45 è fissato il debutto del 20enne mancino pontino, che già dal week-end è nella capitale francese per allenarsi insieme al tecnico Giuseppe Fischetti, che dal mese di febbraio lo segue all'Enjoy Tennis Center di Roma. Zeppieri incontrerà l'ex azzurro Andreas Seppi (bolzanino), quarta testa di serie: insomma un derby tricolore. Tra i due ci sono 18 anni di differenza.

Dopo l'ingresso per la prima volta nel circuito dello Slam una sensazione provata già da junior con gli Australian Open (in cui fu battuto alle semifinali dal toscano Lorenzo Musetti), e l'Open degli Stati Uniti il talento latinense cerca il colpo ad effetto. L'esperienza degli Internazionali è stata proficua: dopo aver superato l'arduo barrage delle qualifiche ha incrociato al primo turno il gigante moscovita 24esimo al mondo, Karen Khachanov, che ha dovuto sudare tanto nei due set per aver ragione del suo avversario.

«Già essere qui è incredibile dice Zeppo, 227esimo nel ranking Atp Sarebbe perfetto entrare nel main draw anche al Roland Garros, ma la lotta sarà durissima». La matricola terribile, ex numero 12 al mondo U18, sta compiendo passi da gigante, come sottolinea il coach Fischetti: «Giulio ha un grande potenziale. Questo è un momento importante perché ha sofferto tanto dopo il grave infortunio patito cinque mesi fa rompendosi il malleolo durante il Challenger di Napoli ancor prima di giocare. Io non lo allenavo ancora, però lo sentivo perché siamo amici da tempo e adesso penso che si meriti questa bella soddisfazione. Il lavoro da fare è lungo, siamo soltanto all'inizio.

Nelle qualificazioni femminili c'è anche la fondana Federica Di Sarra che incontrerà l'australiana Jaimee Fourlis.

© RIPRODUZIONE RISERVATA