Aprilia, straniero inseguito e pestato perché lo credono un ladro: morto

Domenica 29 Luglio 2018
109
Aprilia, straniero ritenuto un ladro viene inseguito e picchiato: morto

Choc ad Aprilia dove la scorsa notte è stato ritrovato morto un marocchino di 43 anni. L'uomo, che era a bordo di un'auto, sarebbe stato inseguito da alcuni cittadini perché ritenuto un ladro e poi picchiato. Due italiani sono accusati di omicidio preterintenzionale. 

LEGGI ANCHE Salvini: «Noi razzisti? Unico allarme i 700 reati al giorno degli immigrati»

Il marocchino, a un certo punto dell'inseguimento, è finito fuori strada ma è uscito con le proprie gambe dall'auto incidentata ed è stato aggredito da uno o due dei suoi inseguitori. È quanto apprende l'Ansa da fonti investigative, secondo cui si dovrà aspettare l'autopsia per stabilire se le lesioni mortali siano state provocate dall'incidente o dalle percosse. L'uomo era a bordo di una vettura il cui conducente è fuggito.


Erano le due di notte quando un residente della zona di via Guardapasso segnalava al 112 dei carabinieri che una Renault Megane sospetta con targa straniera e alcune persone a bordo, si stava aggirando da quelle parti. «Seguivano altre telefonate al 112 - spiegano i militari dell'Arma - per segnalare gli spostamenti della vettura che era fuggita dopo aver capito di essere oggetto di attenzione da parte dei residenti». L'auto è stata poi trovata dai carabinieri di Aprilia lungo la via Nettunense, all’altezza della stazione F.S. di Campo di Carne, incidentata. Lì accanto i militari hanno trovato il marocchino riverso sull'asfalto. 

Al momento del ritrovamento c'era anche uno dei residenti che avevano seguito la Megane e telefonato al 112. Ma dalle impronte sul terreno i carabinieri hanno dedotto ci fossero anche altre persone allontanatesi prima del loro arrivo. Dopo aver sentito i due italiani e grazie alle immagini di una telecamera di videosorveglianza, i carabinieri d'intesa con il sostituto procuratore Giuseppe Miliano, hanno denunicato a piede libero i due italiani per omicidio preterintenzionale. Domani, lunedì, verrà disposta l'autopsia sul cadavere. 

Gli investigatori sono cauti nel definire l'aggressione a calci e pugni un vero e proprio pestaggio. Sulla base degli elementi acquisiti finora non è chiaro quanto sia stata violenta: di sicuro allo straniero sono stati inferti dei colpi, ma è molto probabile che abbia riportato serie lesioni anche in seguito all'incidente. Quel che è certo - perché questo dato è emerso dalla visione dei filmati delle telecamere - è che la macchina straniera non è stata speronata e fatta finire fuori strada da quella degli inseguitori. 

«All'esito delle indagini condotte sul decesso occorso questa mattina ad  Aprilia - spiega il comandante provinciale, colonnello Gabriele Vitagliano - sono stati denunciati in stato di libertà, per omicidio preterintenzionale in concorso due Italiani del luogo, incensurati, quarantenni. Gli indizi a loro carico sono emersi dapprima dalla visione di telecamere di videosorveglianza, quindi da testimonianze di persone presenti, vistesi impossibilitate a negare davanti all'evidenza.  Uno degli indagati era rimasto sul luogo del fatto, l'altro, resosi irreperibile e saputo che veniva cercato, si è infine costituito.  La vittima è stata identificata in un cittadino marocchino di 43 anni con precedenti di polizia. Aveva con sé uno zaino con arnesi da scasso». 

Ultimo aggiornamento: 30 Luglio, 15:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA