Segretario e controllore di se stesso, esposto dell'opposizione a Ponza

Domenica 10 Febbraio 2019
Sindaco in un Comune, al tempo stesso presidente del nucleo di valutazione e dirigente praticamente di ogni settore sull'Isola di Ponza, uno dei tre centri nei quali svolge le funzioni di segretario comunale "a scavalco".

Se non è un record, quello di Raffaele Allocca, poco ci manca. Il suo caso è adesso all'attenzione del Prefetto di Latina, dell'Autorità nazionale anticorruzione e della Procura di Cassino. A segnalarlo sono l'ex sindaco, Piero Vigorelli, e gli altri consiglieri di minoranza, vale a dire Francesco Ambrosino, Giuseppe Feola e Maria Claudia Sandolo.

«Ponza sta affondando, tra incuria, indifferenza, incapacità, ignavia, degrado, calo delle presenze turistiche, cancellazione di investimenti pubblici e privati e quant'altro. Chi ora governa l'isola sta rubando il futuro dei nostri figli e nipoti» - dicono a commento della situazione certamente singolare del segretario che ha praticamente tutti gli incarichi sull'isola, oltre a svolgere la stessa funzione a Fiuggi e Supino, in provincia di Frosinone, ed essere sindaco di Montelanico (Roma).

Vigorelli ricorda come Allocca sia stato condannato in primo grado dalla Corte dei conti quando era segretario a Nettuno, ma soprattutto l'opposizione fa rilevare che a Ponza: «Allocca è il responsabile anticorruzione, dirige affari legali, personale, affari generali, settore finanziario e del commercio. Non può essere controllore di se stesso invece lo è». A maggior ragione dopo essere stato nominato presidente del nucleo di valutazione: «Per capire meglio per valutare le prestazioni del personale dovrà chiedere e ricevere le relazioni dei responsabili dei vari servizi del Comune» e cioè a se stesso. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani